spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Maggio 2019 Giugno 2019 Luglio 2019
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 22 1 2
Settimana 23 3 4 5 6 7 8 9
Settimana 24 10 11 12 13 14 15 16
Settimana 25 17 18 19 20 21 22 23
Settimana 26 24 25 26 27 28 29 30
 


AFFI


tel_antidiscriminazioni_razziali
tel_antitratta
tel_antiviolenza_donna
video testimonianza Bignardi

Login Form






Password dimenticata?
Nessun account? Registrati

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home
DAT: Via libera del Garante alla banca dati nazionale
Politica Interna - Biotestamento
Scritto da EP   

ImageTESTAMENTO BIOLOGICO - Dopo il via libera del Garante per la privacy alla banca dati nazionale delle Disposizioni anticipate di trattamento (DAT) che consentono di stabilire in anticipo i trattamenti sanitari che si vogliono o NON si vogliono nel caso si finisca in coma o in stato vegetativo, il Ministero della Salute sblocca l’iter per l’emanazione dei decreti. Ma se la ministra Giulia Grillo il 7 giugno 2019 annuncia via Twitter: «Ho inviato alle Regioni il decreto che consente l’avvio del registro sulle Dat. Avanti perché il #biotestamento sia un diritto di tutti i cittadini», l’Associazione Coscioni ricorda: “la battaglia non è finita”. Hanno contribuito a questo sblocco, infatti, anche la pressione fatta sulla ministra con una raccolta di firme dell’Associazione Luca Coscioni e la diffida ad adempiere preparata dalle avvocate Giulia Crivellini e Filomena Gallo, visto che dal ministero per lungo tempo non erano giunti segnali, nonostante la legge 205/2017 obbligasse a stabilire entro il 30 giugno, per decreto, le modalità di registrazione delle DAT presso la Banca dati nazionale. Passati gli annunci attendiamo quanto di concreto accadrà.

 
Enogastronomia: a Roma torna Vinoforum lo spazio del gusto
FOOD & WINE - Eventi e Convegni
Scritto da Eva Panitteri   

ImageROMA VINOFORUM 16 - Dal 14 al 23 giugno 2019 torna nella capitale VINOFORUM lo spazio del gusto, storica manifestazione romana dedicata alla promozione dell’enogastronomia. Presenti 2500 etichette di 500 cantine italiane ed estere, ospitate da Vinòforum Academy nella nuova ‘sede’ del Parco di Tor di Quinto per offrire a neofiti, appassionati ed esperti, percorsi di conoscenza ed appuntamenti esperienziali condotti da Enologi e Master Sommelier. Numerose le aziende del Lazio: si spazia dalle etichette emergenti di Agricoltura Capodarco (Stand 64) a quelle consoliate di Falesco/Famiglia Cotarella.

Anche questa edizione offre ancora spazio al cibo. Le Cucine a Vista, o Temporary Restaurant, saranno animate da 30 chef e vedranno donne ed uomini provenienti da tutta Italia cimentarsi su 5 filoni tematici: i Grandi Maestri Stellati, la Cucina di Mare, gli Chef Emergenti, la Cucina al Femminile e le Grandi Osterie. Decine gli incontri per appassionati, operatori del settore, e protagonisti dell’universo wine&food.

Per l’edizione 2019 lo spazio  dedicato all’olio extravergine di oliva si rinnova: la Evoo School Italia, progetto formativo Coldiretti e Unaprol sarà presente con un’oleoteca (stand 11) per l'offerta di minicorsi e degustazioni libere, fino ad esaurimento posti.

Per orientarsi

Date: dal 14 al 23 giugno
Dove: Parco di Tor di Quinto (via delle Fornaci di Tor di Quinto  10, Roma).
Orari: dalle 19 alle 24 (fino all’una il venerdì e sabato).
Ingresso: il biglietto da 16 euro è comprensivo di calice e carnet per 10 degustazioni di vino.

 

Speciali: alcune degustazioni, cene e food show prevedono la prenotazione obbligatoria dal sito 

 
Prostituzione: anche se è scelta è condizionata
Violenza di genere - Prostituzione
Scritto da Surfing   

Image PROSTITUZIONE «È ben vero che il vigente ordinamento non vieta, di per sé, l’offerta di sesso a pagamento, ma ciò non significa che essa si configuri come espressione di un diritto costituzionalmente tutelatoCon la sentenza 141 depositata il 7 giugno 2019 (Presidente, Redattore e Cancelliere tutti uomini), la Corte Costituzionale decreta: la prostituzione è sempre una scelta condizionata. «Anche nell’attuale momento storico, e al di là dei casi di “prostituzione forzata” – si legge nel comunicato stampa – la scelta di “vendere sesso” è quasi sempre determinata da fattori – di ordine non solo economico, ma anche affettivo, familiare e sociale – che limitano e condizionano la libertà di autodeterminazione dell’individuo».

Leggi tutto...
 
Per l'uguaglianza di genere morandum d’intesa FIFA e Nazioni Unite
Sport - Femminile
Scritto da Eva Panitteri   

Image
Phumzile Mlambo-Ngcuka e Gianni Infantino
MONDIALI DI CALCIO FEMMINILE - In Francia 24 nazioni si stanno sfidando nella Coppa del Mondo. Con l'occasione le donne delle Nazioni Unite hanno incontrato a Parigi, il 7 giugno, i vertici FIFA ed leader dell'industria dello sport e della politica, per discutere del futuro del calcio femminile e sensibilizzare all'uguaglianza di genere. Firmato con l’occasione il primo memorandum d’intesa FIFA e Nazioni Unite: "Questo è un momento significativo per la FIFA poiché uniamo le forze per realizzare l'uguaglianza di genere per le donne sia dentro che fuori dal campo", ha dichiarato il Presidente Gianni Infantino. "Insieme, aumenteremo la consapevolezza sul calcio femminile e sul suo impatto in termini di salute, empowerment e modelli positivi per le donne e le ragazze in tutto il mondo".

FIFA e Nazioni Unite lavoreranno dunque in sinergia per apportare cambiamenti sfidando le discriminazioni e gli stereotipi che frenano il progresso di tutti. Phumzile Mlambo-Ngcuka, Sottosegretaria generale delle Nazioni Unite e Direttrice esecutiva delle Nazioni Unite ha dichiarato: “Il calcio è lo sport più giocato e guardato nel mondo. Se il suo organo di governo promuove l'empowerment delle donne si potrà avere un impatto enorme sull'avanzamento dell'uguaglianza di genere, nel mondo dello sport e non solo.” A cominciare dai compensi delle giocatrici: “troppe ricevono poco o niente, persino nelle squadre nazionali e in paesi che possono sicuramente permettersi di fare di meglio”. (fonte e fotografia FIFA.com)

 
Grande esordio della Nazionale Calcio Donne
Sport - Femminile
Scritto da EP   

ImageMONDIALI DI CALCIO FEMMINILE - La partita di esordio dell’Italia disputata domenica 9 giugno porta a casa la vittoria con l’Australia e «finalmente con questi mondiali cominciamo a scrivere "portiera" e "arbitra"». Lo afferma Silvia Garambois, presidente dell'associazione “Giulia, Giornaliste Unite libere e autonome” in un’intervista a Il Messaggero.it: «La mentalità sta cambiando. Poco alla volta arriveremo a modificare il modo di parlare e di scrivere. Che è poi un modo di pensare». La FIGC sul sito pare aver aggiornato gli schemi di pensiero (e di scrittura), ma fa meno bene sui social, dove su Twitter per la partita di esordio usa il maschile: «Il capitano della squadra @SaraGama_ITA e il CT Milena #Bertolini sono pronte a guidare le #Azzurre”» (Foto by FIGC)

 

Image Che dire… almeno ‘LE AZZURRE’ è al femminile. Proprio per questo GiULiA, insieme a Uisp Nazionale, ha curato il manuale “Media Donne e Sport”scritto per un'informazione sportiva libera da stereotipi e cliché” e per orientare ad “una narrazione giornalistica attenta, corretta e consapevole”, libera da pregiudizi e stereotipi, come da errori (ed orrori) di grammatica. «“Fisico da urlo”, “icona di stile”, “belle e brave”: sono alcuni esempi di come i media hanno spesso parlato e scritto di atlete e donne di sport, dando giudizi sull’apparenza anziché sulle prestazioni e competenze sportive, valutazioni che assai raramente hanno corrispondenze nel racconto degli sportivi uomini. Si tratta di cliché e pregiudizi che deformano la rappresentazione delle donne nell’informazione sportiva e le inchiodano nell’immaginario su un piano svantaggiato rispetto ai colleghi delle stesse discipline.»

La nostra NAZIONALE FEMMINILE (video)

 
Agricoltura sostenibile: una sfida da vincere
FOOD & WINE - Eventi e Convegni
Scritto da EP   

ImageAGRICOLTURA SOSTENIBILE - La Commissione europea ha già presentato le proposte legislative per la riforma della politica agricola comune (PAC) e per il periodo dopo il 2020, tra le sfide da affrontare ci saranno le pratiche commerciali sleali nella filiera agroalimentare, i cambiamenti climatici, le risorse idriche e la gestione dei rischi, solo per citarne alcune. In attesa degli Stati Generali dell’Agricoltura 2020 che si terranno nei primi mesi del prossimo anno, continuano le riflessioni di avvicinamento di operatori ed operatrici del settore.

Il prossimo appuntamento è con il convegno Agricoltura sostenibile: una sfida da vincere. Le produzioni vegetali. Promosso dalla Casa dell’Agricoltura di Milano si svolgerà il 13 giugno dalle ore 9.00 alla Centrale dell’Acqua, Via Cenisio 39. «La sostenibilità rappresenta l’orizzonte tecnologico, tecnico ed economico dentro il quale occorre pensare e organizzare lo sviluppo dei prossimi anni. A questa condizione non sfugge l’agricoltura europea che può contribuire a un sano e corretto sviluppo in modo originale e attento»

Hanno partecipato alla valorizzazione di questo percorso a tappe che ha l’obiettivo “ambizioso” di “contribuire all’elaborazione delle strategie dell’agricoltura del futuro”, anche le professionalità delle donne: il 6 marzo nell’ambito della conferenza L’impegno delle agricoltrici’ svoltasi a Palazzo Isimbardi, Renata Lovati, presidente di Donne in campo Lombardia, ha riaffermato la centralità della donna sia nel settore agricolo e rurale, sia nella cultura agricola.

In allegato IL PROGRAMMA del 13 giugno.

 
#GenerationEquality: il punto sulla parità di genere nel mondo
Lavoro&pari opportunità - Pari Opportunità
Scritto da Surfing   

Image UGUAGLIANZA DI GENERE - Nel 2020, saranno passati 25 anni da quando la piattaforma d'azione di Pechino ha stabilito come rimuovere le barriere che impediscono alle donne di partecipare nella stessa misura degli uomini a tutti gli ambiti della vita pubblica e privata. Ma nonostante alcuni progressi, permangono ostacoli multipli, immutati in tutte le culture e non c’è un solo paese che possa affermare di aver raggiunto l'uguaglianza di genere. Le donne delle Nazioni Unite stanno sollecitando ovunque governi e società civile a mantenere le promesse della piattaforma d'azione di Pechino, ad oggi adottata (almeno sulla carta!) da 189 paesi.

ImageLa campagna #GenerationEquality riporta all’attenzione mondiale questi temi: parità di retribuzione, pari condivisione di cura e lavoro domestico non retribuiti, la fine delle molestie sessuali e di tutte le forme di violenza contro donne e ragazze, servizi sanitari e cure ad hoc che rispondano ai loro bisogni, partecipazione attiva alla vita politica ed ai processi decisionali in tutti gli ambiti. Si riparte da qui.

 
A Vancouver una conferenza mondiale sull'uguaglianza di genere
Lavoro&pari opportunità - Pari Opportunità
Scritto da Eva Panitteri   

ImageEMPOWERMENT - Dal 3 al 6 giugno a Vancouver, in Canada, si svolge la più grande conferenza mondiale sull'uguaglianza di genere. La Women Deliver 2019 Global Conference -che è possibile seguire online- vedrà le donne delle Nazioni Unite insieme ad attiviste ed attivisti per i diritti delle donne, organizzazioni, leader mondiali e generazioni di changemakers per accelerare il progresso dell'uguaglianza di genere.

In occasione del 25° anniversario della Dichiarazione e Piattaforma d'azione di Pechino il prossimo anno #Beijing25 le funzionarie delle NU presenteranno la campagna multigenerazionale #GenerationEquality "Generazione uguaglianza: realizzare i diritti delle donne per un futuro equo: nonostante alcuni miglioramenti, infatti, ancora dopo ben 25 anni «non un solo paese può affermare di aver raggiunto l'uguaglianza di genere.

Leggi tutto...
 
Elezioni Europee 2019: perdono le fake news
Politica Interna - Unione Europea
Scritto da Eva Panitteri   

ImageELEZIONI EUROPEE 2019 – A conti fatti il previsto 'maremoto' di estrema destra si è rivelato solo "un'increspatura" anche grazie alla rete Avaaz che “ha denunciato e fatto chiudere alcune delle più grandi reti di disinformazione mai trovate, reti che in solo 6 paesi raccoglievano fino a 3 MILIARDI di visualizzazioni all'anno. In pratica ogni elettore vedeva questi contenuti tossici in media 20 volte”. “L'estrema destra ha guadagnato qualche seggio, ma rimane una frangia isolata e senza potere. L'Italia è stato l'unico paese con un'impennata con il 34% di Salvini (che comunque significa che il 66% dei votanti NON l'ha scelto)” ma non sorprende, perché era uno dei paesi messi peggio al mondo quanto a disinformazione e dove Avaaz ha fatto chiudere a Facebook pagine con circa 4 milioni di follower per 900 milioni di visualizzazioni l'anno.

La più alta affluenza alle europee degli ultimi 25 anni ha visto il previsto ‘maremoto’ di estrema destra ridotto a un'increspatura” e la comunità Avaaz è ora epicentro della lotta mondiale a fake news e disinformazione e promotrice di “una soluzione semplice ed efficace alla crisi delle notizie false, che le piattaforme possono adottare da subito: rettificare le notizie. L'idea è che chiunque veda notizie false venga informato sul social stesso con una rettifica, verificata da fact-checker indipendenti.”

"Nessun gruppo di vigilanza e fact-checking sulla disinformazione aveva avuto un tale impatto." - Analista di Facebook

 

 
Sergio Mattarella 2 giugno 2019
Politica Interna - Memoria
Scritto da Surfing   

ImageVa ricordato che -in ogni ambito- libertà e democrazia non sono compatibili con chi alimenta i conflitti, con chi punta a creare opposizioni dissennate fra le identità, con chi fomenta scontri, con la continua ricerca di un nemico da individuare, con chi limita il pluralismo.
I valori delle civiltà e delle culture di ogni popolo contrastano in modo radicale con quella deriva e fanno, invece, appello a salde fondamenta di umanità, per confidare nel progresso
.”
Sergio Mattarella, 2 giugno 2019

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Pross. > Fine >>

Risultati 1 - 30 di 1810
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB