spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Agosto 2017 Settembre 2017 Ottobre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 35 1 2 3
Settimana 36 4 5 6 7 8 9 10
Settimana 37 11 12 13 14 15 16 17
Settimana 38 18 19 20 21 22 23 24
Settimana 39 25 26 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Numero 86


Numero 86 - 31 maggio 2010



Donne e politica: candidature giocattolo o di qualità?

ImageDONNE e POLITICA - La svalorizzazione della classe dirigente femminile vista negli ultimi 10 anni, ha un ché di singolare. Il fenomeno -tutto italiano- che per l'accesso alla competizione politica ha visto selezionare donne senza ruolo o formazione a scapito di donne con competenze provate, deve aprire oggi una riflessione su quella deriva culturale che propone un modello di donna superficiale (politica e non), qualificata sulla base dell'avvenenza piuttosto che della competenza. Cinque "belle donne" oggi in Italia sono ministre. Posizioni che la logica selezionatrice maschile ha pensato per le figlie di un sistema di scelta politica basato sullo sdoganamento del nepotismo verso la favorita. Una situazione talmente paradossale, che se non fosse così grave e drammatica, farebbe venire da ridere!

Leggi tutto...
 
Giornalismo: se la legge è ingiusta SI alla disobbedienza

ImageÈ nota la definizione della democrazia come sistema pieno di difetti ma di cui non si è ancora trovato nulla di meglio.” Umberto Eco, dalle pagine de l’Espresso fa la conta dei danni provocati dagli ultimi anni di governo berlusconiano: “Le norme sulle intercettazioni. Il controllo dei tg della tv pubblica. E prima il lodo Alfano, i tagli alla scuola... Berlusconi trasforma le istituzioni un passo dopo l'altro, con lentezza. Perché i cittadini assorbano i cambiamenti come naturali.”


Per Roberto Saviano, di fronte ad una legge ingiusta, vessatoria ed iniqua, la via è la disobbedienza: "Cercherò di continuare a lavorare come se questa legge non ci fosse". Perché il testo sulle intercettazioni approvato in commissione Giustizia "è una castrazione reale del lavoro di inchiesta" e soprattutto un regalo alle mafie. A quattro anni dall'uscita di Gomorra, lo scrittore non vede diminuire la forza della criminalità organizzata mentre sente "crescere la fragilità della magistratura". Leggi tutto su l’Espresso.

 
Premio Giornalistico "L'anello debole"

ImageGIORNALISMO SOCIALE - Al via l’edizione 2010 del Premio L'Anello Debole a cura della Comunità di Capodarco: un riconoscimento ai migliori programmi giornalistici radiofonici e televisivi (servizi lunghi, inchieste, reportage, documentari) e ai migliori cortometraggi “della realtà” o di fiction, che rappresentano “tematiche di forte contenuto sociale o sostenibilità ambientale”. Il concorso è aperto a servizi radio e tv, corti “della realtà” e di fiction oltre ai “cortissimi” video da cellulare. Attenzione al linguaggio ed alla narrazione, che dovranno essere “rispettosi delle sensibilità di tutti, in particolare dei soggetti più fragili e marginali”. I lavori dovranno essere inviati alla Segreteria del Premio “L’Anello Debole”: c/o Comunità di Capodarco, Via Vallescura n. 47 – 63023 Capodarco di Fermo (AP). Le opere devono essere spedite entro lunedì 2 agosto 2010 (farà fede la data del timbro postale). Per tutte le informazioni e per il regolamento per partecipare: www.premioanellodebole.it

 
Salute: novità in Africa

ImageESTERI - Nel mare dei problemi che affliggono i paesi fricani, ogni tanto, zitta zitta, esce fuori una buona notizia. E non è semplicemente qualcosa che ci fa sorridere e far stare contenti per qualche minuto. Si tratta di vite che vengono salvate. Di migliaia di mamme e bambini che, per una semplice - ma importantissima - decisione di un governo, hanno improvvisamente una nuova aspettativa di vita. In Sierra Leone, il governo ha deciso di rendere gratuito l’accesso alla salute per i bambini sotto i 5 anni e per le donne incinte, per un totale di 1 milione e mezzo di persone. E questo significa che migliaia di vite saranno salvate, in un paese dove 1 bambino su 5 muore prima di aver compiuto 5 anni, e 1 donna su 8 muore durante la gravidanza o il parto.

Leggi tutto...
 
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB