spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Agosto 2017 Settembre 2017 Ottobre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 35 1 2 3
Settimana 36 4 5 6 7 8 9 10
Settimana 37 11 12 13 14 15 16 17
Settimana 38 18 19 20 21 22 23 24
Settimana 39 25 26 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Numero 89


Numero 89 - Novembre 2012



Le elezioni siciliane

 

ImageIl voto di domenica 28 ottobre , per l'elezione dei 90 componenti dell'Assemblea Regionale Siciliana ha suscitato sorpresa e commenti per tre motivi soprattutto : la scarsa partecipazione al voto: appena il 47,4% degli aventi diritto. (Nel 2008 quando si votò anche di lunedì, in concomitanza con le politiche, l’affluenza era stata del 66,68%.e anche in precedenti consultazioni limitate alla sola domenica, si erano sempre registrate percentuali di votanti nettamente superiori al 50%, come nel 2001, quando votò il 63,47% ); l’alto gradimento verso il Movimento 5 Stelle, che diventa il primo “partito” per numero di voti; la scelta di un governatore con un passato chiaramente antimafia, gay, di provenienza “comunista”.

Ma c’è un quarto motivo di novità in questa elezione sorprendente: l’elezione diretta di 10 donne ( 8 piu 2  a seguito della opzione di Cancelleri)  che raccolgono il consenso e i voti dell’elettorato. A questa notizia strabiliante .  deve aggiungersi la proposta del Governatore Crocetta di altre quattro donne nel listino del governatore , il 50% del totale. In un’assemblea siciliana caratterizzata da sempre dall’assenza di donne, basti ricordare che tra il 1947 e il 2012 cioè per un periodo di 65 anni , sono state elette appena 17 donne , averne oggi con compiti di direzione ben 14 su 90 rappresenta un avvenimento straordinario e un grandissimo balzo in avanti.

 

Leggi tutto...
 
Aborto e politica: le elettrici sostengano Obama

ImageELEZIONI USA - Barack Obama durante un talk show televisivo prima della grande sospensione di tutte le attività dovuta al passaggio dell’uragano, ha preso le distanze da Richard Mourdock, candidato repubblicano al Senato dell'Indiana contrario all'aborto anche qualora una gravidanza sia conseguenza di uno stupro, perché sarebbe una gravidanza «voluta da Dio» A parte il fatto che ci sarebbe da domandare al candidato Mourdock come mai un qualsiasi dio possa volere uno stupro, il presidente USA in carica non si perde d’animo e ribadisce una serie di concetti che stanno nell’ovvio ma che la rituazione rende necessario ribadire: «Lo stupro resta sempre uno stupro // lo stupro è un crimine e fare dei distinguo non ha alcun senso // Non capisco come certi uomini possano uscirsene con simili teorie // Le donne sono perfettamente in grado di prendere questo tipo di decisioni, e gli uomini politici non hanno il diritto di interferire». Come donne speriamo davvero che l’America ascolti! E che voti di conseguenza.

 
Riequilibrio delle rappresentanze di genere

ImageDAL PARLAMENTO - La Prima Commissione Affari costituzionali, in sede referente, ha concluso l’esame delle proposte di legge recanti Disposizioni per promuovere il riequilibrio delle rappresentanze di genere nei consigli e nelle giunte delle regioni e degli enti locali (C. 3466 e abb.-B, approvato, in un testo unificato, dalla Camera e modificato dal Senato - rel. Lorenzin, PdL).

Leggi tutto...
 
La violenza di casa

ImageVIOLENZA: IL COMMENTO - “Gran parte delle manifestazioni di violenza non viene denunciata in un contesto caratterizzato da una società patriarcale e incentrato sulla famiglia; la violenza domestica, inoltre, non sempre viene percepita come reato (...). Per di più, un quadro giuridico frammentario e l'inadeguatezza delle indagini, delle sanzioni e del risarcimento alle donne vittime di violenza sono fattori che contribuiscono al muro di silenzio e di invisibilità che circonda questo tema”. (Rashida Manjoo - da La repubblica)

 
NO degli uonini alla violenza

Image25 NOVEMBRE - Anche gli uomini dicono NO alla violenza sulle donne, con un “progetto di comunicazione” che parte dal web. Una iniziativa messa in campo da uomini che dicono “NO alla cultura del possesso e del controllo, alla disinformazione, alle giustificazioni”. Un progetto nato per “per dare voce a singoli cittadini, associazioni o gruppi, soprattutto maschili, che vogliono diffondere la conoscenza della violenza di genere e prendere posizione pubblicamente su questo tema”. NoiNo.org è una campagna promossa da Fondazione del Monte in collaborazione con l'associazione Orlando.

 
Donne & Trasporto Pubblico

ImageROMA - I pendolari italiani, in tutto 13 milioni hanno “vita difficile, […] stipati in spazi affollati e spesso in condizioni igieniche precarie. Una vita che, secondo un’indagine della Washington University di St Louis su 4300 pendolari texani, favorisce l’obesità in maniera direttamente proporzionale alla durata del percorso casa-lavoro. Una vita che, letteralmente, intossica con lo stress cervello e organismo”. E sono le donne a soffrirne di più. In Italia infatti la caratteristica d’uso dei mezzi pubblici per le donne ha evidenziato fermate plurime per sbrigare varie commissioni, cosa che vale per le donne di tutti i paesi occidentali, specialmente quelle con figli.

Leggi tutto...
 
Donne in Jazz

ImageMUSICA - Prende il via in queste prime giornate di novembre la dodicesima edizione della rassegna musicale organizzata e promossa dalla Fondazione Adkins Chiti: Donne in Musica. “CONTROCANTO – DONNE IN JAZZ”, in collaborazione con il Comune di Frascati e l’Assessorato alle Politiche Culturali. Un appuntamento consueto e sempre coinvolgente per gli appassionati di musica di qualità, un’interessante e progressiva scoperta per quanti vogliano avvicinarsi al Jazz percorrendo un itinerario tutto al femminile. Domenica 4 novembre 2012 aprirà la rassegna la pianista e compositrice americana Linda Presgrave. I concerti si svolgeranno presso l’Auditorium delle Scuderie Aldobrandini a Frascati nei giorni 4, 11,18,25 novembre e il 2 e 9 dicembre (ore 18.00) (fonte: FONDAZIONE ADKINS CHITI Donne in Musica)

 

 
Ma la Ministra Fornero lo sa?

Image Quest’anno in Portogallo i padri che hanno utilizzato il congedo parentale per accudire i propri figli sono stati 65.000.

Non si tratta certo di una cifra marginale , poiché riguarda il 25% del totale dei congedi , una cifra che è aumentata negli ultimi 10 anni del 65% . A cosa si deve questa evoluzione della mentalità maschile? Un miracolo? Una improvvisa conversione?  o piuttosto a intelligenti politiche governative in grado di accompagnare  senza penalizzazioni la ripartizione dei compiti all’interno della coppia?   

 

Leggi tutto...
 
Il Global Gender Gap Report

 

ImageAnche quest’anno, come ormai avviene dal 2006, è stato pubblicato il Global Gender Gap Report. Il documento prende in esame la situazione di donne e uomini in 135 stati , che rappresentano il 90% della popolazione mondiale e tra questi stila una classifica. Nel rapporto si mette in evidenza il divario esistente tra uomini e donne sotto quattro principali aspetti : Partecipazione economica e opportunità nel lavoro ; istruzione e formazione ; rappresentanza e partecipazione politica; sanità e aspettative di vita.

A livello mondiale i Paesi più ospitali e meno discriminanti per le donne si confermano Islanda , Finlandia, Norvegia e Svezia , mentre i più ostili sono - procedendo a ritroso dall’ultimo - Yemen,( 135), Pakistan, Chad, Siria e Arabia Saudita. L'Italia precipita ancora più in basso e raggiunge l'80 ma posizione.

 

Guarda il video

 

 
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB