spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Ottobre 2017 Novembre 2017 Dicembre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 44 1 2 3 4 5
Settimana 45 6 7 8 9 10 11 12
Settimana 46 13 14 15 16 17 18 19
Settimana 47 20 21 22 23 24 25 26
Settimana 48 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Numero 17

Numero 17 - 9 luglio 2007


Lavoro: dimissioni in bianco, un male da sconfiggere per l'Italia che cerca la parità

ImageDAL PARLAMENTO - Le dimissioni in bianco si firmano insieme al contratto di assunzione: prassi diffusa ieri come ora, eppure ancora poco conosciuta. Una discriminazione perpetrata soprattutto a danno delle donne, generalmente utilizzata per liberarsi delle lavoratrici in maternità. Dal 5 luglio però -ogni tanto una buona notizia!- tale pratica sarà contrastata con un legge dello Stato. Alla Camera dei Deputati infatti, è stato discusso e approvato il testo della Proposta di Legge dal titolo “Disposizioni in materia di modalità per la risoluzione del contratto di lavoro per dimissioni volontarie del prestatore d’opera”, presentata su iniziativa dell’On. Teresa Bellanova e di altri Deputati e Senatori del Centrosinistra ed il testo passa al vaglio del Senato.

Leggi tutto...
 
Il governo di Gordon Brown è "amico delle donne"?

ImageLe associazioni femministe inglesi hanno dichiarato nei giorni precedenti l'insediamento del nuovo governo "E' vitale che Gordon Brown dimostri come il governo inglese sia amico delle donne e che le donne sono al centro dell'attenzione del governo". Crediamo che le femministe inglesi dovranno dichiararsi , dopo le nomine delle ministre e delle sottosegretarie, soltanto parzialmente soddisfatte. A fronte della nomina -per la prima volta -di una donna a Ministro degli interni ,è complessivamente immutato il numero di donne al governo - 8 con Tony Blair e 8 con Gordon Brown - e si dovra ancora attendere prima che si materializzi  così come auspicato, la prima donna "Chancellor" .

 
Francia delle disuguaglianze: le cifre della disparità

ImageIn Francia, con la pubblicazione della circolare attuativa, di aprile del 2007 , sono entrate in vigore le norme contro le differenze retributive nei confronti delle donne.

Approvata il 24 marzo 2006 dal governo conservatore guidato da Dominique de Villepin , la legge che modifica alcune parti del codice del lavoro, costituise cun ambizioso passo avanti verso l’annullamento del differenziale retributivo di genere che da sempre penalizza le donne in qualsiasi area o settore lavorino, sia pubblico che privato, ed a tutti i livelli della scala gerarchica e professionale. La legge stabilisce anche un termine entro il quale i salari e le retribuzioni in Francia non dovranno più essere discriminatori : la scadenza è fissata al 31 dicembre 2010.

Leggi tutto...
 
Ricordiamoci sempre di Aung San Suu Kyi

ImageA Rangoon, Burma, un'eroina nazionale ha celebrato nei giorni scorsi il 62 compleanno - da sola- come avvenuto negli ultimi anni.I suoi soli compagni nel giorno del compleanno sono state le guardie armate che la tengono segregata in casa, lontana dal resto del mondo. Aung san Suu Kyi èstata separata dai propri figli; quando il marito è morto a causa di un tumore, le è stato impedito di stargli vicino. Questo è quanto accaduto negli ultimi17 anni, da quando nel 1990 la giunta militare tuttora al governo imprigionò in casa la leader democraticamente eletta .

 
Le tagesmutter a Roma

Image Anche a Roma tra breve, sarà possibile usufruire del servizio di Asilo a domicilio, curato dalle Tagesmutter.Il termine “Tagesmutter” proviene dal mondo tedesco e significa “Mamme di giorno”.La Tagesmutter è una persona, adeguatamente formata, che offre il proprio servizio di  educazione e cura a bambini di altri solitamente in casa propria, presso il proprio domicilio. Anche laddove il servizio si svolge in ambienti extradomiciliari mantiene i requisiti e l’organizzazione di un servizio domiciliare. La Tagesmutter, pur lavorando in casa propria, è in collegamento stabile con un ente non profit che la sostiene e la supporta.

Leggi tutto...
 
Bollino Rosa: certificazione per le realtà lavorative che non discriminano
ImageROMA - Il Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale promuove la Conferenza Nazionale di presentazione del progetto “BOLLINO ROSA – Stesse Opportunità, Nuove Opportunità” ideato dal Ministero nell’ambito delle iniziative per il “2007 – Anno europeo delle pari opportunità per tutti”. Una certificazione di qualità di genere, con l’obiettivo di riconoscere ed incoraggiare l’adozione di buone prassi nelle realtà lavorative pubbliche e private.

Leggi tutto...
 
Lavoro: Annunci all’italiana
ImageROMA - L'Isfol l’Istituto per lo sviluppo della formazione professionale dei lavoratori, ha pubblicato un'indagine sugli annunci per le offerte di lavoro qualificato da parte delle imprese, pubblicati sui principali quotidiani nazionali. L’indagine, realizzata in collaborazione con il Centro statistica aziendale (Csa) di Firenze, e riferita all’anno 2006, evidenzia come le offerte di lavoro a mezzo stampa siano ancora oggi uno strumento importante nella ricerca reclutamento forza lavoro da parte delle aziende. Tra le figure principali (primo e secondo posto) quella di agente e venditore.
Leggi tutto...
 
Diritti: Migranti in Italia e assegno di maternità

Image Il 25 maggio 2007 l'Istituto nazionale di previdenza sociale (Inps) ha comunicato che “L’assegno di maternità concesso dai Comuni alle madri cittadine italiane o comunitarie o extracomunitarie in possesso di carta di soggiorno, spetta anche alle cittadine extracomunitarie riconosciute come rifugiate politiche, anche se non sono in possesso di carta di soggiorno, fermi restando gli altri requisiti di legge. Lo ha stabilito il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali con una nota inviata all’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani (ANCI), basata anche su un parere favorevole della Direzione Generale per l’Immigrazione e del Ministero dell’Interno”. L'equiparazione alle cittadine italiane è conforme a quanto richiesto dalla Convenzione di Ginevra sullo status di rifugiato. (Fonte: INPS)

 
Indagini: Migranti e Povertà

ImageMILANO - Straniere 3 donne su 4, tra coloro che si rivolgono ai centri d'ascolto delle Caritas lombarde. Il dato emerge dal Terzo rapporto sulle povertà in Lombardia a cura dei Centri d'ascolto Caritas, presentato il 5 luglio 2007 a Milano. Una situazione che presenta risvolti “preoccupanti” secondo il sociologo Ludovico Cardani che ha condotto l'analisi sull'attività di ascolto della Caritas. “Le immigrate cadono nella povertà molto facilmente” dice riferendosi ad esempio a quante possono giungere nel nostro paese come vittime della tratta di esseri umani, ma coinvolge anche le “badanti per i nostri anziani e bambini”, e si insinua nel fenomeno dei matrimoni combinati e dei ricongiungimenti.

Leggi tutto...
 
Violenza : Le donne e l’Hiv/Aids

ImageOltre 40 milioni di persone nel mondo convivono col virus dell’Hiv/Aids. Quasi la metà sono donne. Il numero delle donne che contraggono il virus è in forte crescita, soprattutto a causa della violenza sessuale di cui sono vittime, direttamente o come punizione per aver rifiutato di avere rapporti sessuali. Un altro fattore di rischio è costituito dalla pratica delle mutilazioni genitali femminili. Molte donne sono esposte alla violenza sessuale anche nell’ambito della vita coniugale. Ulteriori contesti di violenza, come i conflitti armati, favoriscono la pandemia dell’Aids, oltre ad avere conseguenze disastrose per i sistemi sanitari interessati. (Fonte: Amnesty)

 
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB