spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Luglio 2017 Agosto 2017 Settembre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 31 1 2 3 4 5 6
Settimana 32 7 8 9 10 11 12 13
Settimana 33 14 15 16 17 18 19 20
Settimana 34 21 22 23 24 25 26 27
Settimana 35 28 29 30 31
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Numero 39 arrow A Piacenza albo per le assistenti familiari
A Piacenza albo per le assistenti familiari PDF Stampa E-mail
Scritto da dal Redattore Sociale   
mercoledý 30 aprile 2008

ImagePIACENZA - Un "albo" per le assistenti familiari, con l'obiettivo di garantire un'offerta qualificata alle famiglie e tutelare le lavoratrici straniere, combattendo il lavoro nero. Partirà ufficialmente a Piacenza il 15 maggio, grazie a un protocollo firmato da Comune e Provincia. E’ la seconda esperienza del genere in Emilia-Romagna, dopo Ferrara. Concretamente, le famiglie che hanno bisogno di assistenza possono recarsi all'Informasociale del Comune dove, insieme a un assistente sociale, valuteranno i bisogni della persona da assistere.

Compilata una scheda, la domanda viene trasferita al Centro provinciale per l'impiego che propone una rosa di nomi alla famiglia. Scelta la persona più adatta, verrà stipulato un regolare contratto di lavoro e, se la famiglia lo desidera, l’assistente  verrà affiancata da un assistente domiciliare per il primo periodo di inserimento. Il servizio è completamente gratuito.


Potranno inscriversi all'elenco tutte le donne straniere che abbiano completato le 120 ore di formazione organizzate dal Comune oppure che abbiano un'esperienza certificata di almeno 3 mesi di lavoro regolare, a condizione che entro un anno portino a termine anche un corso di formazione. Il contratto minimo sarà di 15 giorni e di almeno 20 ore settimanali. I requisiti dei candidati assistenti familiari devono essere: 18 anni di età, stato di disoccupazione, permesso di soggiorno, conoscenza della lingua italiana.


“E' un"iniziativa importante - spiega l'assessora comunale alle Politiche sociali, Giovanna Palladini - che risponde a un esigenza reale: quella di un'assistenza qualificata e di garanzia, sia per le famiglie che per le badanti. Per realizzarla abbiamo scelto la strada più difficile, ovvero l’accordo con i Centri per l'impiego. L’altra strada sarebbe stata quella di un elenco interno al Comune, ma non avrebbe dato abbastanza garanzia. Per ora i candidati che ci hanno fornito dal Centro per l’impiego e che rispondono ai requisiti sono già una ventina”.  

Ultimo aggiornamento ( domenica 04 maggio 2008 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB