spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Agosto 2017 Settembre 2017 Ottobre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 35 1 2 3
Settimana 36 4 5 6 7 8 9 10
Settimana 37 11 12 13 14 15 16 17
Settimana 38 18 19 20 21 22 23 24
Settimana 39 25 26 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Numero 39 arrow Sempre pių fame nel mondo
Sempre pių fame nel mondo PDF Stampa E-mail
Scritto da Eva Panitteri   
domenica 04 maggio 2008

ImageMONDO - E’ la più grande crisi alimentare globale dell’epoca moderna, una crisi che non possiamo permetterci di ignorare: 33 nazioni sono a rischio di conflitti sociali a causa dell’aumento dei prezzi alimentari. Il 24 aprile il quotidiano americano New York Times pubblicava un editoriale su questa crisi mondiale. L'espresso gli faceva eco insieme a Il Sole 24Ore. Seppure nei paesi industrializzati la crescita dei prezzi dei generi alimentari si è fatta sentire (legata perlopiù alla crescita vertiginosa del prezzo del petrolio ed alla produzione di biocarburanti dai 5 miliardi di litri del 1995 ai 35 del 2007), non avendo direttamente il problema sulle nostre tavole, si tende a sottovalutare un fenomeno che solo apparentemente non coinvolge. A breve, lo dicono tutte le analisi, si arriverà a conseguenze estreme. Asia, Sudamerica, Africa, sono senza grano, riso, mais. “Una famiglia nigeriana spende per mangiare il 73% del proprio budget, una vietnamita il 65% e un’indonesiana il 50%. E questo significa che si trovano in difficoltà”. Si moltiplicano gli appelli per chiedere ai leaders del mondo di agire. Come quello della Ministra degli Esteri della Sierra Leone, Zainab Bangura. E dall'ONU un monito: necessario affrontare le questioni strutturali e politiche, e le sfide poste dai cambiamenti climatici.


L'AUMENTO DEI PREZZI
RISO Nell'ultimo anno, marzo 2007- 2008, il prezzo è aumentato del 70 per cento (International Rice Research Institute di Manila), con impennate nei paesi importatori anche del 141 per cento da gennaio a aprile 2008.
MAIS Marzo 2007- 2008, aumento del 31 per cento (Fonte Fao).
GRANI Marzo 2007- 2008, aumento del 130 per cento (fonte Bloomberg), con tendenza al ribasso da febbraio ad aprile 2008.
SOIA Marzo 2007-2008, aumento 87 per cento (fonte Bloomberg).


LE PROTESTE

Argentina - scioperi e manifestazioni;

Burkina Faso - sciopero generale e 100 arresti;

Camerun - 40 morti;

Corea del Nord - allarme per una imminente crisi alimentare;

Costa d'Avorio - due morti;

Egitto - manifestazioni, 300 arresti e cinque morti;

Filippine - a Manila il riso viene distribuito sotto scorta militare;

Haiti - almeno cinque morti e una ventina di feriti;

Marocco - proteste e 34 arresti;

Messico - proteste per il caro-mais;

Mozambico - 6 morti;

Senegal - incidenti e 24 arresti;

Tunisia - cortei contro il carovita;

Yemen - marcia dei bambini;


LE REAZIONI

Secondo la Banca mondiale, 48 paesi (su 58 monitorati) hanno imposto controlli sui prezzi, restrizioni all'export, tariffe di favore per i consumatori poveri. India, secondo produttore mondiale di riso, Cina e Vietnam hanno bloccato le esportazioni.

Ultimo aggiornamento ( lunedė 05 maggio 2008 )
 
Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB