spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Ottobre 2017 Novembre 2017 Dicembre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 44 1 2 3 4 5
Settimana 45 6 7 8 9 10 11 12
Settimana 46 13 14 15 16 17 18 19
Settimana 47 20 21 22 23 24 25 26
Settimana 48 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Numero 40 arrow La Birmania del ciclone va al voto
La Birmania del ciclone va al voto PDF Stampa E-mail
Scritto da Eva Panitteri   
domenica 11 maggio 2008

ImageBIRMANIA - L’Onu stima i dispersi a causa del ciclone Nargis in 220mila. I morti tra i 63 e 100mila. Colpite più di un milione e mezzo di persone. Il regime accetta ora gli aiuti internazionali, ma non permette la distribuzione da parte degli operatori stranieri. Poco sembra importare al regime la sopravvivenza di una popolazione che in un contesto di morte e devastazione invita ad andare a votare, proseguendo le operazioni per un referendum-farsa che lascia il potere nelle mani dei militari.

Le stesse istituzioni che non hanno avvertito la popolazione del pericolo, bloccando le comunicazioni affinché nessuna informazione potesse filtrare, lo stesso regime che ora vanta un “successo” di partecipazione popolare “massiccia”. La Birmania, temiamo, attenderà a lungo il ritorno della democrazia: il progetto della nuova carta costituzionale è stato redatto dagli stessi militari e, seppure si promette il ritorno ad una “democrazia multipartitica nel 2010”, esclude i cittadini birmani che abbiano coniugi o figli stranieri dalla vita politica.

 

Stando a quanto battuto dall’ANSA “la giunta secondo gli esperti vuole dimostrare che ha la situazione sotto controllo e che non rinuncia ai suoi progetti, neppure di fronte ad una tragedia nazionale. L'ostinazione e la chiusura del regime si fanno sentire anche sul fronte degli aiuti internazionali. Aerei e navi di soccorsi dall'estero continuano ad arrivare, ma il governo li fa entrare tra infinite difficoltà, sempre timoroso di far passare, insieme ai sacchi di riso, anche fantomatici agenti stranieri.


L'Alto Commissariato Onu per i rifugiati ha portato nel paese i primi due camion di aiuti. Ma due aerei del Programma alimentare mondiale delle Nazioni unite sono stati di nuovo bloccati all'arrivo a Rangoon. Le difficoltà agli aiuti hanno suscitato oggi le proteste ufficiali del presidente francese, Nicolas Sarkozy, e del cancelliere tedesco, Angela Merkel.”

Ultimo aggiornamento ( domenica 11 maggio 2008 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB