spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Luglio 2017 Agosto 2017 Settembre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 31 1 2 3 4 5 6
Settimana 32 7 8 9 10 11 12 13
Settimana 33 14 15 16 17 18 19 20
Settimana 34 21 22 23 24 25 26 27
Settimana 35 28 29 30 31
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Numero 41 arrow Sempre pił giovani, sempre pił vittime
Sempre pił giovani, sempre pił vittime PDF Stampa E-mail
Scritto da Eva Panitteri   
sabato 17 maggio 2008

Image
Lorena Cultaro
ROMA - Si fa un gran parlare di emergenza sicurezza, e la paura influenza il voto: Roma passa a destra, si affida all'ex fascista dopo la violenza contro la Reggiani e la prima diaspora dei Rumeni. A Napoli è rivolta contro i Rom. Ma nessuno va in piazza né al nord né al sud, per protestare con sdegno quando una bambina di 14 anni come Lorena Cultraro viene stuprata, picchiata, assassinata, ed i suoi poveri resti fatti sparire in un pozzo. I delitti dei nostri "bravi ragazzi", quelli dai volti puliti, non ci interessano? I fidanzatini della porta accanto possono commettere delitti odiosi ed efferati, dei quali -come i minorenni assassini di Niscemi- sembrano quasi non rendersi conto, e noi non ci muoviamo. Perché?

Voler dare la colpa dei comportamenti assassini e violenti alla televisione, che mercifica l’immagine femminile mostrandola 90 volte su 100 scollata e discinta, sarebbe guardare troppo lontano da noi. Volerla accollare alla famiglia, che per sopravvivere a certi ritmi di lavoro appiattisce vita, affetti e comunicazione in superficialità e stereotipi, sarebbe troppo facile e riduttivo. Bisogna prendere atto, invece, che si tratta di responsabilità collettive di un intero sistema paese, che ha ritenuto di poter fare a meno di investire in istruzione, cultura ed informazione.


La censura ecclesiale avallata nei fatti da governi di finti laici e di atei devoti, poi, ha fatto si che ragazzi  e ragazze non ricevessero (e non ricevono) indicazioni sui temi del corpo e delle relazioni sessuali: giovanissimi bombardati da milioni di stimoli violenti o fintamente soft annidati nel linguaggio, nelle immagini, nell’abbigliamento, negli spot, in internet, nei videogiochi, nei cartoni animati, cui il mondo degli adulti non propone chiavi di lettura né filtri. Adulti che non programmano e non prevedono, ma semplicemente si affidiamo al caso, sperando di avere fortuna. Siamo impazziti??


Forse si, visto che continuiamo a fare finta, indolentemente, indecentemente, che fatti come quelli accaduti a Niscemi o a Verona riguardino solo gli altri, quelli più poveri, quelli più disagiati, quelli più sfortunati, o sprovveduti, o incapaci, quelli a cui questo guaio è “capitato”. Cosa spiega però che tre ragazzini pensino di risolvere una questione tra adolescenti ammazzando l’interlocutrice “scomoda”? Noi che ci sgomentiamo, che sgraniamo gli occhi, che annaspiamo, possiamo davvero dire di non aver colto i segnali che portavano in questa direzione?


Se continueremo a chiudere gli occhi, a far finta che le bambine prostituite e vendute per strada a tanti bravi padri di famiglia siano una cosa che si può tollerare (fintanto che non sono le nostre), che i casi di bullismo a scuola siano l’eccezione più che la regola, come quelli di stalking, che la scuola non debba seguire i giovani sui temi della vita e del vivere, che la cultura fatta di libri e di dialoghi sia una noia, che il degrado dell'ambiente non si traduca in degrado del vivere, che la vita non è una partita di pallone e che i "buoni modelli" e non soltanto urla e sopraffazione trovano spazio nella vita, se continueremo a correre verso il precipizio dovremo fare i conti con le conseguenze della caduta. Le cifre di orrore di tante giovani vite spezzate ci faranno finalmente capire che omissioni, silenzi e certe vergognose impunità non ce le possiamo più davvero permettere?

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ultimo aggiornamento ( sabato 17 maggio 2008 )
 
Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB