spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Agosto 2017 Settembre 2017 Ottobre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 35 1 2 3
Settimana 36 4 5 6 7 8 9 10
Settimana 37 11 12 13 14 15 16 17
Settimana 38 18 19 20 21 22 23 24
Settimana 39 25 26 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Internazionale arrow La legge 194 non si tocca!
La legge 194 non si tocca! PDF Stampa E-mail
Scritto da La Redazione   
marted́ 13 maggio 2008

Image Benedetto XVI continua ad interferire pesantemente negli affari interni della Repubblica Italiana senza che si levino voci di dissenso da parte di chi è stato chiamato a governare, né incisive proteste da parte dell’opposizione. La 194 non è "una ferita per la società italiana" lo sono piuttosto i reiterati attacchi ad una legge dello stato e "l'obiezione di convenienza" vincolante per chi vuole operare in strutture sanitarie in larga misura occupate da istituzioni religiose (vedi Genova e il Cardinal Bagnasco) che stanno riportando nella clandestinità e nelle capienti e voraci tasche dei "cucchiai d'oro" (vedi recenti indagini a Napoli) un dramma mondiale affrontato con dolente consapevolezza dalle legislatrici e dai legislatori italiani. La validità della 194 è stata confermata da uomini e donne con un referendum senza dubbi. Le dichiarazioni di esponenti parlamentari di terza e quarta fila sul “problema reale posto dal Papa (sic)”, si sprecano a destra, e in parte anche a sinistra. Indignazione e capacità di reagire sembrano essere prerogativa esclusiva delle donne fuori dal parlamento. Il movimento femminista romano ha dato voce a questa anomalia precisando che i peccati, sui quali il papa è dominus tra chi accetta e pratica le sue predicazioni, non sono “reati” e sono cosa ben diversa dalle leggi della Repubblica Italiana e dall’autodeterminazione delle donne che vanno entrambe “rispettate”. Di seguito il comunicato stampa dell'AFFI Associazione Federativa Femminista Internazionale.

COMUNICATO DEL 13 MAGGIO 2008

  L'ultima presa di posizione in ordine di tempo da parte di Benedetto XVI
contro la 194 è sostenuta e condivisa delle gerarchie ecclesiastiche, alle
quali si accodano laici devoti e ipocriti di varia natura e d'ogni colore.
Dice che la 194  ha aperto ferite e svilito il valore della vita e anche se
la gravidanza è a rischio l’aborto va “evitato”.
Basta !!
sul dolore delle donne dovete smetterla di infierire! 
C'è bisogno di ripeterlo ancora: l'autodeterminazione delle donne è
conquista di civiltà cui non intendiamo rinunciare.
Ne va della nostra libertà!
Lo ricordiamo a tutti e a tutte poiché c'è costata duri anni di lotte: contro
l'oscurantismo, il maschismo; il clericalfascismo.
Lo ripetiamo ai sordi che non vogliono sentire e a coloro che sono in malafede.
Ciò che è peccato non è "reato".
La repubblica Italiana è laica e aconfessionale.
Le donne si autodeterminano.
 Presidenza AFFI
Edda Billi – Irene Giacobbe – Gabriella Guidetti 
 Associazione Federativa Femminista Internazionale
Via della Lungara 19, ROMA
Ultimo aggiornamento ( marted́ 13 maggio 2008 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB