spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Agosto 2017 Settembre 2017 Ottobre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 35 1 2 3
Settimana 36 4 5 6 7 8 9 10
Settimana 37 11 12 13 14 15 16 17
Settimana 38 18 19 20 21 22 23 24
Settimana 39 25 26 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Internazionale arrow Malalai Joya: ''Voglio ritornare in Parlamento''
Malalai Joya: ''Voglio ritornare in Parlamento'' PDF Stampa E-mail
Scritto da Redattore Sociale (Ilaria Seasana)   
sabato 24 maggio 2008

Image
Malalai Joya
MILANO - Parla la deputata afgana, 29 anni, sospesa dal Parlamento per le sue denunce scomode. "Voglio ritornare in Parlamento per continuare a denunciare i signori della guerra e i narcotrafficanti che vi siedono. E ho un sogno: portarli davanti a un tribunale perché rispondano dei loro crimini". Questa la denuncia di Malalai Joya, deputata sospesa dal Parlamento per il suo impegno contro la corruzione e i criminali di guerra, durante l'incontro "Afghanistan, 7 anni e 7 mesi di guerra", organizzato dall'eurodeputato Vittorio Agnoletto  il 23 maggio all'Università Statale di Milano.

Joya denuncia apertamente sette persone (tra ministri, deputati e generali afgani) coinvolte in crimini di guerra e traffici di droga ma che svolgono impunemente un ruolo politico. "E questa lista conta centinaia di nomi, molti dei quali vengono indicati anche da Human rights watch -aggiunge-. Come possiamo parlare di democrazia se il nostro parlamento e i nostri giudici sono infetti dai virus del fondamentalismo, della droga e della mafia?".

Nell'aprile 2007 il Parlamento afgano ha votato un'amnistia che garantisce l'immunità per tutti coloro che si fossero macchiati di crimini di guerra durante gli ultimi 30 anni. "Io e pochi altri ci siamo sollevati contro questa legge -aggiunge Malalai Joya- ma i fondamentalisti e i warlords controllano l'80% dei seggi". Un'opposizione che le è costata minacce di rapimento e la sospensione dal Parlamento: "Ma non mi arrendo. Ora ho trovato un avvocato e farò ricorso alla Corte suprema per essere reintegrata", conclude.

Inevitabile poi una riflessione sulle condizioni di vita in Afghanistan a sette anni dall'inizio della guerra: "Viviamo senza elettricità, in un clima di paura e terrore. Le condizioni di vita delle donne non sono affatto migliorate -dice-. Ma la soluzione ai nostri problemi non può venire dalla presenza di truppe straniere che, al contrario, garantiscono il potere dei signori della guerra, del narcotraffico, e spingono, indirettamente, la popolazione verso i talebani".

Ultimo aggiornamento ( sabato 24 maggio 2008 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB