spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Novembre 2017 Dicembre 2017 Gennaio 2018
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 48 1 2 3
Settimana 49 4 5 6 7 8 9 10
Settimana 50 11 12 13 14 15 16 17
Settimana 51 18 19 20 21 22 23 24
Settimana 52 25 26 27 28 29 30 31
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Politica arrow Politica Italiana arrow AFFI : Prima che venga la notte
AFFI : Prima che venga la notte PDF Stampa E-mail
Scritto da La redazione   
venerd́ 30 maggio 2008

Image Prima che venga la notte >Da qualche tempo a Roma si respira una strana aria di “sicurezza”. Se sei donna e rom, e vivi in un accampamento ai margini della città“sei sicura” che prima o poi qualcuno verrà a incendiare il tuo campo o la tua roulotte; Se sei omosessuale e le tue scelte personali non si combinano con la visione ortodossa di famiglia, “sei sicuro” che prima o poi qualcuno ti aspetterà per strada; Se sei studente e ritieni che in democrazia la cattedra universitaria non si offre né a religiosi né a violenti, puoi “essere sicuro” che prima o poi la violenza si materializzerà all’Università.

Dall’insediamento del quarto governo Berlusconi e dopo l’annuncio delle prime “misure” per garantire la sicurezza dei cittadini si succedono episodi di intolleranza, violenza, aggressione contro i diversi, per nazionalità, religione, colore della pelle, paese di provenienza. E questo avviene con sempre maggior frequenza. Nella Roma appena conquistata dalla destra di Alemanno, e nella Milano di “proprietà” della Casa delle Libertà (sic) della Moratti. Episodi di violenza e intolleranza fioriscono per strada, sui mezzi di trasporto pubblico, all’università, negli insediamenti degli immigrati più poveri. Caso? o scelta? Pubblichiamo il documento dell’Affi.

 

Da qualche tempo a Roma si respira una strana aria di “sicurezza”
Se sei donna e rom, e vivi in un accampamento ai margini della città
sei sicura” che prima o poi qualcuno verrà a incendiare il tuo campo o la tua roulotte;
Se sei omosessuale e le tue scelte personali non si combinano con la visione ortodossa di famiglia, “sei sicuro” che prima o poi qualcuno ti aspetterà per strada;
Se sei studente e ritieni che in democrazia la cattedra universitaria non si offre
né a religiosi né a violenti, puoi “essere sicuro” che prima o poi la violenza si
materializzerà all’Università.
Ormai a Roma si respira un’aria di crisantemi morti.
Che è il tipico odore del razzismo, del sessismo, del nazifascismo.
E non solo a Roma.
Quando si respira un’aria da caccia ai “diversi”,
Quando si solleticano i più bassi istinti nel nome di una presunta “ sicurezza”,
Quando sulle strade e nelle piazze ritornano - non quattro imbecilli-
ma mazze chiodate e villosi petti ariani rigorosamente brutali ;
Quando il sonno della ragione, chiude gli occhi di troppi,
c’è da chiedersi come sia possibile che tutto questo si ripeta,
dopo i lager e i forni crematori, dai cui camini sono passati
rom e ebrei, omosessuali e zingari.
Così iniziò anche allora,
e anche allora nell’aria c’era odore di crisantemi morti.
 
La presidenza A.F.F.I.
Edda Billi - Irene Giacobbe - M.Gabriella Guidetti
Ultimo aggiornamento ( sabato 31 maggio 2008 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB