spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Agosto 2017 Settembre 2017 Ottobre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 35 1 2 3
Settimana 36 4 5 6 7 8 9 10
Settimana 37 11 12 13 14 15 16 17
Settimana 38 18 19 20 21 22 23 24
Settimana 39 25 26 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Lavoro&pari opportunità arrow Informazioni e notizie arrow REMI: progetti di formazione per l’agricoltura sociale
REMI: progetti di formazione per l’agricoltura sociale PDF Stampa E-mail
Scritto da Eva Panitteri   
sabato 31 maggio 2008

ImageROMA - Fondi dell'UE, Regione Lazio e Ministero del Lavoro e Politiche sociali confluiscono nel progetto ReMi, per lo sviluppo dell'agricoltura biologica e sociale e del turismo sociale nei territori rurali del Lazio. Presentato il 30 maggio nella Capitale, ReMi prevede l’avvio di un nuovo portale internet e due iniziative di formazione di 400 ore ciascuna, per formare “Tecnici per lo sviluppo delle fattorie sociali” e “Tecnici per lo sviluppo del turismo sociale in ambito rurale”. Si tratta di progetti gratuiti, intesi a favorire nuove opportunità di lavoro e di imprenditorialità, in particolare per le donne, con un occhio all’inserimento lavorativo di persone svantaggiate, e per far crescere al massimo la formazione e la qualificazione degli operatori del settore.

CAPODARCO: LE FATTORIE SOCIALI - Con il progetto di sviluppo delle fattorie sociali (capofila La cooperativa agricola della Comunità di Capodarco di Roma) si aprono opportunità per chi “desidera lavorare in ambito agricolo coniugando i due mondi dell’agricoltura e del socialespiega Carlo De Angelis, responsabile del progetto per Capodarco.

 

 

 

Questo corso prevede l’accesso alla formazione per 15 persone (tra i 18 ed i 40 anni), con l’80% dei posti disponibili riservati alle donne. Una grande scommessa –spiega De Angelis- che molto si giocherà sulla costruzione di una rete tra le imprese agricole presenti sul territorio, in particolare dai Castelli Romani, ai Colli Albani e Roma Sud, area che ben si presta allo sviluppo delle fattorie sociali”.

 

 

Nella sede di Capodarco sarà aperto inoltre il primo “sportello dell’agricoltura sociale”, uno strumento per “amplificare la comunicazione e l’informazione” ma anche e soprattutto un “supporto diretto a chi vuole costruire un percorso di fattoria sociale”. Non solo uno strumento on-line, ma anche di consulenza diretta per accompagnare l’avvio di impresa.

Per informazioni: Comunutà di Capodarco Tel: 06-94549191 (9.00-14.00)


NETFORM: IL TURISMO SOCIALE – Per sviluppare competenze utili a creare impresa nel territorio rurale della regione, il corso per operatori del turismo sociale  prevede 20 posti, destinati a persone di età compresa tra i 30 ed i 50 anni. Principali destinatari -spiega Teresa Bernardini, responsabile progettazione di Netform- i giovani che non riescono a trovare lavoro, e quegli adulti che per motivi di età trovano difficoltà al  reingresso nel mondo del lavoro tramite i canali tradizionali.

Tra le azioni del progetto, anche l’istituzione di un “Bollino agri-sociale” per la certificazione di qualità delle competenze acquisite sia durante il corso che secondo un modello sperimentale di formazione a distanza. Il “bollino” dovrebbe permettere di garantire la qualità e la professionalità delle strutture di accoglienza cui verrà attribuito.

Cliccare qui per il bando e tutte le informazioni.


ReMi si propone dunque  come un progetto di formazione e di rete, nel quale si trovano semi di “elementi innovativi per un nuovo welfare dei diritti delle persone”, e di “un nuovo modo di fare agricoltura, aperto al sociale”.


Moltissime le associazioni che sostengono o, partecipano al progetto: Acliterra, AGCI Lazio, AIAB, ALPA, CIA Lazio, C.N.C.A. Lazio, DEAR, Donne e politiche famigliari, FAO, Rete delle fattorie sociali, SPES, Consorzio Integra, Consorzio Tiresia, Donna TV, Cooperativa Agricola di Capodarco della Comunità di Capodarco, Agrya Srl, Consorzio Alberto Bastioni.

 

Ultimo aggiornamento ( sabato 31 maggio 2008 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB