spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Aprile 2017 Maggio 2017 Giugno 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 18 1 2 3 4 5 6 7
Settimana 19 8 9 10 11 12 13 14
Settimana 20 15 16 17 18 19 20 21
Settimana 21 22 23 24 25 26 27 28
Settimana 22 29 30 31
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Politica arrow Politica Italiana arrow Intercettazioni: da Berlusconi nuovo diktat
Intercettazioni: da Berlusconi nuovo diktat PDF Stampa E-mail
Scritto da Eva Panitteri   
domenica 08 giugno 2008

Image
Intercettazioni telefoniche
ROMA   Silvio Berlusconi, intervenendo  il 7 giugno al convegno di Confindustria di Santa Margherita Ligure, tra i vari annunci programmatici in tema di immondizia e centrali nucleari,   presenta presunte novità previste dal governo in tema di intercettazioni. Ventilata l’introduzione di  un limite all’uso solo per le inchieste di  terrorismo e criminalità organizzata, prevede lo spettro del carcere per chi non rispetterà il nuovo diktat: ben “cinque anni per chi le eseguirà e chi le propagherà” insieme ad “una forte penalizzazione economica per gli editori” che le pubblicheranno.

Non si fanno attendere le reazioni: per Walter Veltroni  "siamo davanti a provvedimenti gravi e sbagliati: i magistrati hanno il diritto di eseguire le intercettazioni ogni volta che lo ritengono necessario, qualunque sia il reato; quella che deve essere tutelata è la privacy dei cittadini che non sono sotto inchiesta e che non hanno commesso reati".

 

Difende l’uso delle intercettazioni anche  l’Associazione Nazionale Magistrati, pur facendo salvi "i fatti relativi alla vita privata degli indagati, e a maggior ragione, delle persone estranee alle indagini" come sottolinea il segretario dell’Anm Giuseppe Cascini.

 

Forte la reazione della FNSI, la Federazione Nazionale della Stampa Italiana, che non ci sta: Franco Siddi, segretario, dichiara: "il diritto-dovere di dar conto di indagini in corso e quelle del pubblico a riceverne informazione prevale sulle esigenze di segretezza, come ha stabilito, un anno fa, la Corte europea dei diritti dell’uomo". "La galera per i giornalisti fino a cinque anni per la sola ragione di aver pubblicato notizia o atti di intercettazioni, sarebbe un atto fuori legge". Soprattutto se si considera che le intercettazioni ordinate dalla magistratura una volta depositate in atti sono a tutti gli effetti documenti pubblici.

 

 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB