spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Ottobre 2017 Novembre 2017 Dicembre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 44 1 2 3 4 5
Settimana 45 6 7 8 9 10 11 12
Settimana 46 13 14 15 16 17 18 19
Settimana 47 20 21 22 23 24 25 26
Settimana 48 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Numero 43 arrow La “sicurezza” ai tempi di Sacconi e Berlusconi
La “sicurezza” ai tempi di Sacconi e Berlusconi PDF Stampa E-mail
Scritto da Irene Giacobbe   
domenica 08 giugno 2008

Image
Corteo
Ti sfilano il portafogli per strada? Ci vuole più sicurezza! Inciampi su un mendicante che dorme sdraiato per terra? Ci vuole più sicurezza! Sei un operaio e muori arrostito mentre stai lavorando, obbligato allo straordinario, perché le norme di “sicurezza” non sono state rispettate? Peggio per te! le povere aziende sono già fin troppo tartassate da queste norme sulla “sicurezza”del lavoro “che non può essere sostenuta da odiosi incrementi di adempimenti formali e da sanzioni spropositate”* Si, avete letto bene, il tema della “sicurezza” si declina in maniera differente nei quartieri cittadini e all’interno dei luoghi di lavoro. La tolleranza zero non si applica nei confronti di chi deruba i lavoratori della vita, ma soltanto dei piccoli ladruncoli di strada. In fondo in Italia muoiono soltanto 4 operai al giorno sul posto di lavoro per il mancato rispetto delle norme sulla sicurezza...

Dobbiamo passare da una fase ideologica a una fase post ideologica per liberare il lavoro e le imprese dei tanti vincoli che ne impediscono la crescita” ha proseguito Sacconi. Singolare analisi se riferita alle nano-aziende di un paese come l’Italia, che preferiscono restare minuscole per non perdere la gestione del potere, che non investono in manager esterni, che non investono in ricerca e innovazione, e che per il 70% subiranno nei prossimi anni processi di chiusura o decadenza a causa di un management familista e vecchio, incapace sia di rinnovarsi che di passare il testimone ad una generazione più giovane. Aziende in precarie condizioni di salute alle quali offrire la “sicurezza” del mantenimento dei lavoratori in condizioni di precarietà, ed ai lavoratori la certezza della precarietà del lavoro e di minori riguardi per la loro salute e “sicurezza”.


Ma la “sicurezza” si declina anche nei quartieri cittadini da ripulire dall’orrendo spettacolo della prostituzione. Va applicata con rigore nei confronti delle bambine minorenni che vengono prostituite piuttosto che degli sfruttatori-padroni (anche loro imprenditori?) e dei clienti, stupratori-a-pagamento, che alimentano questo orrendo traffico. Le “prostitute” fanno male al quartiere, vanno rinchiuse in case “sicure” per consentire agli stupratori-a-pagamento ed ai trafficanti di guadagnare impunemente col mercato delle schiave.


Ministro Sacconi, l’articolo 1 della Costituzione Italiana parla di lavoro e non di sfruttamento del lavoro!

* Dichiarazione del Ministro del Lavoro Sacconi a Santa Margherita Ligure

Ultimo aggiornamento ( domenica 08 giugno 2008 )
 
Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB