spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Agosto 2017 Settembre 2017 Ottobre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 35 1 2 3
Settimana 36 4 5 6 7 8 9 10
Settimana 37 11 12 13 14 15 16 17
Settimana 38 18 19 20 21 22 23 24
Settimana 39 25 26 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Numero 1 arrow Coppie di fatto: i DICO sostituiscono i PACS
Coppie di fatto: i DICO sostituiscono i PACS PDF Stampa E-mail
Scritto da Eva Panitteri   
martedì 06 febbraio 2007

ImageNonostante un clima da subito arroventato dalle polemiche, il decreto legge sulle unioni di fatto trova il suo cammino. Il primo passo è stato fatto giovedì 8 febbraio quando il Consiglio dei ministri convocato alle 17, da il via libera. Romano Prodi che spingeva per trovare una soluzione prima della partenza per la visita ufficiale in India, incassa l'intesa con la Margherita e la rottura con l'Udeur. La novità: si chiameranno Dico, ovvero diritti e doveri dei conviventi. L'iter del disegno di legge ora ripartirà dal Senato. La bozza su “Diritti e doveri delle persone unite in stabile convivenza” è frutto del lavoro dalle ministre Barbara Pollastrini (Pari Opportunità) e Rosy Bindi (Famiglia).

I neonati DICO sono stati fortemente difesi da Pecoraro Scanio che nei giorni scorsi sottolineava l'importanza che da quel provvedimento a nessuno venisse in mente "di toccare la sostanza del riconoscimento delle coppie di fatto". Preoccupazione legittima, anche alla luce delle interferenze della Cei e di Papa Benedetto XVI° che più volte avevano (sol)levato i cattolici contro le “forme di unione che destabilizzano la famiglia fondata sul matrimonio”.

In una reprimenda pubblicata sul quotidiano L'Avvenire il 6 febbraio (Non possumus), infatti, la Conferenza episcopale italiana esprimeva l'impossibilità ad accettare il disegno di legge in preparazione. Lo scoglio principale è stato comunque aggirato fcendo in modo che la dichiarazione di convivenza all'anagrafe venga resa dagli aspiranti conviventi in maniera "non contestuale".

Nelle linee guida, per la successione dell'immobile e per la tutela in materia di lavoro serviranno almeno 3 anni di convivenza stabile; 9 divantano invece gli anni di convivenza per poter far valere i diritti di successione. In materia di reversibilità della pensione del convivente si rimanda invece ad un riordino successivo.

Leggi il testo: www.cittadinolex.kataweb.it/article_view.jsp

Ultimo aggiornamento ( venerdì 09 febbraio 2007 )
 
Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB