spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Ottobre 2017 Novembre 2017 Dicembre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 44 1 2 3 4 5
Settimana 45 6 7 8 9 10 11 12
Settimana 46 13 14 15 16 17 18 19
Settimana 47 20 21 22 23 24 25 26
Settimana 48 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Numero 49 arrow Assassinata Malalai Kakar, donna simbolo dell'Afghanistan
Assassinata Malalai Kakar, donna simbolo dell'Afghanistan PDF Stampa E-mail
Scritto da Surfing (ANSA)   
domenica 28 settembre 2008

ImageKANDAHAR (AFGHANISTAN) - Malalai Kakar dirigeva il dipartimento dei crimini contro le donne ed era la poliziotta più celebre del paese, uno dei simboli dell'Afghanistan del presidente Hamid Karzai: è stata assassinata domenica 28 settembre in un agguato davanti alla sua casa a Kandahar, roccaforte dei taleban. L'agente,"é stata presa di mira da uomini armati mentre si apprestava ad andare al lavoro in macchina". E' morta sul colpo ferita alla testa.

«La poliziotta, 40 anni circa d'età, madre di sei figli, era stata minacciata più volte dai taleban, del cui movimento la grande città del sud dell'Afghanistan è stata la culla, ed era già scampata ad alcuni tentativi di assassinio. La rivendicazione dell'omicidio non si è fatta attendere: "Kakar era uno dei nostri bersagli e siamo riusciti a eliminarla", ha dichiarato telefonicamente all'Afp un portavoce dei taleban, Yusuf Ahmadi.


Figlia e sorella di poliziotti, assunta dalla polizia alla fine degli anni '80, Kakar era fuggita dal paese all'arrivo al potere dei taleban, che avevano proibito alle donne di lavorare, prima di riprendere le sue funzioni alla caduta del loro regime alla fine del 2001. Di lei si era parlato in numerosi articoli della stampa afghana e internazionale. Aveva preso parte anche ad operazioni di sequestro di armi e di droga nella zona di Kandahar. Una fonte di polizia locale, che ha richiesto l'anonimato, ha detto che la collega "era stata la prima donna ad essere assoldata in polizia dopo la caduta dei taleban. Era molto rispettata a Kandahar, non girava mai senza armi ed era sempre in compagnia di un uomo della sua famiglia".


L'assassinio di Malalai Kakar - il cui nome rinvia a una eroina afghana della guerra contro i britannici, alla fine del 19° secolo - arriva al culmine di una escalation di violenza quest'anno in tutto il paese e al confine con il Pakistan nelle zone tribali di etnia pashtun, dove stanno avvenendo sanguinosi scontri e incursioni delle truppe delle coalizioni internazionali a guida Usa e Nato, con ripercussioni nei rapporti tra i due paesi e in quelli tra Pakistan e Stati Uniti.»

Ultimo aggiornamento ( domenica 28 settembre 2008 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB