spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Ottobre 2017 Novembre 2017 Dicembre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 44 1 2 3 4 5
Settimana 45 6 7 8 9 10 11 12
Settimana 46 13 14 15 16 17 18 19
Settimana 47 20 21 22 23 24 25 26
Settimana 48 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Numero 49 arrow Prostituzione: più difficile il lavoro delle unità di strada
Prostituzione: più difficile il lavoro delle unità di strada PDF Stampa E-mail
Scritto da EP (fonte Redattore Sociale)   
venerdì 26 settembre 2008

ImageROMA – Dopo l'ordinanza Alemanno, si alza la voce preoccupata delle associazioni che lavorano sul territorio a per le donne sfruttate o vittime di tratta. Le donne sono impaurite, e diventa più difficile contattarle: “in strada il rapporto si costruisce piano piano. Ci vuole tempo. E in questo momento c’è troppo timore”.

 

A segnalarlo è Carla Valeri, responsabile dell’area tratta e prostituzione della Cooperativa Magliana 80, «una delle organizzazioni che gestiscono il servizio di unità di strada per conto del progetto Roxanne, promosso dal Comune di Roma per l’aiuto e l’invio ai servizi sociali di persone vittime della tratta sessuale. In particolare l’unità di strada di Magliana Ottanta, oltre al quartiere della Magliana da cui prende il nome, opera nelle zone della stazione Termini, Ostia, Ponte Galeria, la via Portuense fino a Castel di Guido e tutta la provincia.

Vediamo più presenze sui territori provinciali –spiega Valeri– mentre nei posti particolarmente battuti dalle forze dell’ordine le persone sono poche, anche se tornano nei momenti in cui pensano che ci siano meno controlli. Soprattutto molto tardi la notte”. Inoltre le donne hanno registrato una notevole riduzione dei clienti e molte cominciano a pensare di spostarsi in altri luoghi. Il problema però è che in giro c’è tanta paura e molte si rifiutano di entrare in contatto con le unità di strada.

 

Si tratta di un danno molto grave –prosegue Valeri– soprattutto per le persone più fragili come le nigeriane, che sono quelle che hanno più paura e quelle che rischiano di più, sia a stare in strada che a non starci. Erano quelle con cui era stato fatto il lavoro più complicato, e ora non si avvicinano più alle unità di strada perché non vogliono rendersi visibili”. I contatti sono molto rapidi e quindi meno proficui.» (Fonte: Redattore Sociale)

 

Ultimo aggiornamento ( domenica 28 settembre 2008 )
 
< Prec.
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB