spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Ottobre 2017 Novembre 2017 Dicembre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 44 1 2 3 4 5
Settimana 45 6 7 8 9 10 11 12
Settimana 46 13 14 15 16 17 18 19
Settimana 47 20 21 22 23 24 25 26
Settimana 48 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Numero 50 arrow Congedo parentale: al vaglio UE nuove norme e miglioramenti
Congedo parentale: al vaglio UE nuove norme e miglioramenti PDF Stampa E-mail
Scritto da Eva Panitteri   
venerd́ 03 ottobre 2008

ImageBRUXELLES - Migliorare la conciliazione tra vita familiare e professionale per milioni di cittadine e cittadini dell’Unione Europea: questo l'obbiettivo di due proposte in materia di congedo parentale e di maternità avanzate il 3 ottobre dalla Commissione europea per aggiornare la legislazione. Si mira ad iun congedo di maternità più lungo e con migliori condizioni, ed all’accesso al congedo di maternità per le lavoratrici indipendenti. Tra gli obbiettivi futuri proposte per migliorare il congedo di paternità: gli uomini in Italia non lo chiedono in quanto la legge 53/2000 che li regola prevede il taglio dello stipendio del 66% a partire dal secondo mese. Importi cui ben pochi genitori possono serenamente rinunciare.

Le proposte della Commissione intendono invertire il trend della bassa crescita demografica, considerato che nella UE non si riescono ancora a raggiungere gli obbiettivi di Barcellona del 2002 sui servizi prescolari all'infanzia, fondamentali per l’incremento delle nascite, seppure in combinazione con altri fattori di conciliazione.


La prima proposta, dunque, sul miglioramento del congedo di maternità (aggiornerebbe la direttiva 92/85/CE del 1992), aumenterebbe il periodo minimo di assenza dal lavoro da 14 a 18 settimane, con salario invariato, lasciando però la possibilità agli Stati membri di equipararne il livello a quello del congedo per malattia. Inoltre, alle donne sarebbe lasciata più flessibilità nella gestione del periodo non obbligatorio di assenza, modificando l’obbligo di restare a casa prima della gravidanza, come avviene anche in l'Italia. Con questa proposta crescerebbero le protezioni contro i licenziamenti e per il mantenimento di un livello gerarchico equivalente dopo la maternità. Previsto inoltre il diritto di chiedere orari più flessibili, anche se il datore di lavoro non sarà obbligato ad accettare.


Per le lavoratrici indipendenti, la proposta di Bruxelles al Parlamento Europeo ed governi nazionali rimpiazzerebbe la direttiva 86/613/CE del 1986, prevedendo l'accesso al congedo di maternità su base volontaria. Le due proposte del “pacchetto di aggiornamento” saranno trasmesse al vaglio del Parlamento Europeo, per la discussione nel corso del 2009.

Ultimo aggiornamento ( domenica 05 ottobre 2008 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB