spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Agosto 2017 Settembre 2017 Ottobre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 35 1 2 3
Settimana 36 4 5 6 7 8 9 10
Settimana 37 11 12 13 14 15 16 17
Settimana 38 18 19 20 21 22 23 24
Settimana 39 25 26 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Lavoro&pari opportunità arrow Discriminazioni Multiple arrow Discriminazioni di genere: oltre un milione di impiegate fa causa a Wal-Mart.
Discriminazioni di genere: oltre un milione di impiegate fa causa a Wal-Mart. PDF Stampa E-mail
Scritto da Irene Giacobbe   
giovedì 08 febbraio 2007

Cenerentola scende in guerra contro il big business e lo fa tremare come il sindacato non sa più fare” *

La Wal-Mart è la più grande catena al mondo di ipermercati : 1092 negozi e oltre 1.600.000 dipendenti  sparsi in giro per il mondo. È anche  la più grande azienda americana  e da oggi detiene un altro record quello della più grande “class action” (azione collettiva in giudizio)  intentata per discriminazioni multiple da oltre un milione e centomila delle sue dipendenti.

Per “vendere tutto a meno” come recita lo slogan aziendale, il signor Walton pagava meno i dipendenti, proibiva l’accesso ai sindacati, ed evitava di pagare l’assicurazione malattia.

Assumeva le donne in maggior numero, perché le riteneva più “docili”.

Un milione e centomila donne hanno promosso la class action per chiedere salari equi, promozioni e dignità .

I documenti presentati al giudice dalle querelanti parlano di discriminazioni di salario: in media una donna guadagnava da Wal-Mart 100 dollari al mese in meno del proprio collega; disciminazioni per avanzamenti e promozioni: una donna impiegava otto anni per essere promossa vice manager, mentre un uomo ne impiegava 2 e mezzo; le donne occupate sono 60% del totale dei dipendenti ma soltanto il  14% tra dirigenti e capi.

Le donne chiedono  dignità e non accettano  sexual discrimination:  non vogliono essere chiamate “bambole” dal proprio superiore , non vogliono essere invitate a “farsi belle” se vogliono fare carriera e non vogliono subire le riunioni di lavoro all’interno di ristoranti topless o di strip-club.

Alcune delle frasi discriminatorie e maschiliste citate dalle querelanti quali : “Voi donne venite qui soltanto perché siete casalinghe alla ricerca di una paghetta” o ti pago di meno “perché non hai gli attributi giusti”. hanno un suono di bruciante familiarità.

 

* (citazione di Vittorio Zucconi tratta da la Repubblica del 8/2/2007)

 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB