spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Agosto 2017 Settembre 2017 Ottobre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 35 1 2 3
Settimana 36 4 5 6 7 8 9 10
Settimana 37 11 12 13 14 15 16 17
Settimana 38 18 19 20 21 22 23 24
Settimana 39 25 26 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Numero 50 arrow Razzismo: il commento di Moni Ovadia
Razzismo: il commento di Moni Ovadia PDF Stampa E-mail
Scritto da La Redazione   
sabato 04 ottobre 2008

ImageCrescono le aggressioni razziste ed il paese si mobilita con manifestazioni in tutte le città, il 4 ottobre, per dire basta. Il TG3, nel fare il punto sulla situazione, ha chiesto all’attore e scrittore Moni Ovaia, dove si impari il razzismo… «Si impara dal clima culturale del proprio tempo e del proprio Paese. Attraverso parole dissennate, attraverso vecchi stereotipi, bugie e pregiudizi, come ad esempio gli stranieri che vengono a rubare il lavoro, dimenticando che 30 milioni di italiani sono stati stranieri per un secolo, fino agli anni ’70, che 4 milioni di italiani erano clandestini nel mondo.

Stereotipi e bugie che cominciano a circolare, non vengono contrastati, anzi vengono utilizzati da certi ambiti della politica per raccattare facili voti. Si crea un certo panico, la paura è uno degli agenti più potenti di condizionamento dell’uomo. L’hanno usata anche i nazisti. È una vecchia tecnica di dominio. E piano piano si crea il clima adatto perché una cosa non sia più scandalosa e intollerante e diventi veniale. Lo abbiamo visto, in fondo anche in quelle pene ridicole commutate ai teppisti dello sport che hanno fatto disastri devastanti. Le faccio una domanda: se i giovani teppisti avessero fatto le stesse cose nel 2001 a Genova, avrebbero preso 20 anni per terrorismo, perché con questi si usa l’aspetto veniale? Perché lo sport è un altro mezzo di scarico delle tensioni. Allora diventa prima un razzismo popolare, quello rozzo viene usato da certe fasce della politica e questi che vediamo oggi sono i frutti avvelenati che raccogliamo.»

Ultimo aggiornamento ( domenica 05 ottobre 2008 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB