spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Ottobre 2017 Novembre 2017 Dicembre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 44 1 2 3 4 5
Settimana 45 6 7 8 9 10 11 12
Settimana 46 13 14 15 16 17 18 19
Settimana 47 20 21 22 23 24 25 26
Settimana 48 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Numero 58 arrow Ancora prigione per Leyla Zana
Ancora prigione per Leyla Zana PDF Stampa E-mail
Scritto da I.Giacobbe   
sabato 20 dicembre 2008

ImageLeyla Zana, 49 anni, Premio Sakharov 1995 per la pace, ex deputata curda, è stata condannata il 4 novembre, da un tribunale turco, a 10 anni di carcere con l'accusa di aver fatto "propaganda terroristica" in nove discorsi pronunciati in pubblico. La condanna le è stata inflitta da un giudice del tribunale penale della città di Diyarbakir, per aver violato le leggi anti- terrorismo.

 

La condanna le è stata inflitta da un giudice del tribunale penale della città di Diyarbakir, per aver violato le leggi anti- terrorismo, anche se non sono state rese note le parti dei discorsi considerate in violazione della legge. Leyla Zana aveva già avuto il 10 aprile di quest’anno , da un tribunale della stessa città, una condanna a due anni di carcere per un discorso pronunciato il 21 marzo del 2007 durante un Festival curdo.

In quell'occasione, Leyla Zana aveva detto che il popolo curdo - una delle minoranze residenti in Turchia - ha tre leader: Massud Barzani e Jalal Talabani nell'Iraq del Nord e Abdullah Ocalan, ex capo del separatista Partito dei Lavoratori del Kurdistan (PKK).

Leyla Zana, che è stata anche candidata al Premio Nobel per la pace e che nel 1996 ricevette la cittadinanza onoraria di Roma per il suo impegno nel campo dei diritti umani e civili, arrivò alla ribalta delle cronache internazionali nel 1994, dopo essere stata condannata, insieme con altri tre deputati del poi disciolto partito curdo DEP, a 15 anni di carcere per fiancheggiamento del PKK, dopo alcuni discorsi pronunciati in Parlamento in lingua curda che è la sua lingua madre.

 

Ultimo aggiornamento ( sabato 20 dicembre 2008 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB