spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Agosto 2017 Settembre 2017 Ottobre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 35 1 2 3
Settimana 36 4 5 6 7 8 9 10
Settimana 37 11 12 13 14 15 16 17
Settimana 38 18 19 20 21 22 23 24
Settimana 39 25 26 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Numero 58 arrow Ancora prigione per Leyla Zana
Ancora prigione per Leyla Zana PDF Stampa E-mail
Scritto da I.Giacobbe   
sabato 20 dicembre 2008

ImageLeyla Zana, 49 anni, Premio Sakharov 1995 per la pace, ex deputata curda, è stata condannata il 4 novembre, da un tribunale turco, a 10 anni di carcere con l'accusa di aver fatto "propaganda terroristica" in nove discorsi pronunciati in pubblico. La condanna le è stata inflitta da un giudice del tribunale penale della città di Diyarbakir, per aver violato le leggi anti- terrorismo.

 

La condanna le è stata inflitta da un giudice del tribunale penale della città di Diyarbakir, per aver violato le leggi anti- terrorismo, anche se non sono state rese note le parti dei discorsi considerate in violazione della legge. Leyla Zana aveva già avuto il 10 aprile di quest’anno , da un tribunale della stessa città, una condanna a due anni di carcere per un discorso pronunciato il 21 marzo del 2007 durante un Festival curdo.

In quell'occasione, Leyla Zana aveva detto che il popolo curdo - una delle minoranze residenti in Turchia - ha tre leader: Massud Barzani e Jalal Talabani nell'Iraq del Nord e Abdullah Ocalan, ex capo del separatista Partito dei Lavoratori del Kurdistan (PKK).

Leyla Zana, che è stata anche candidata al Premio Nobel per la pace e che nel 1996 ricevette la cittadinanza onoraria di Roma per il suo impegno nel campo dei diritti umani e civili, arrivò alla ribalta delle cronache internazionali nel 1994, dopo essere stata condannata, insieme con altri tre deputati del poi disciolto partito curdo DEP, a 15 anni di carcere per fiancheggiamento del PKK, dopo alcuni discorsi pronunciati in Parlamento in lingua curda che è la sua lingua madre.

 

Ultimo aggiornamento ( sabato 20 dicembre 2008 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB