spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Agosto 2017 Settembre 2017 Ottobre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 35 1 2 3
Settimana 36 4 5 6 7 8 9 10
Settimana 37 11 12 13 14 15 16 17
Settimana 38 18 19 20 21 22 23 24
Settimana 39 25 26 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Numero 2 arrow Immigrazione e DICO
Immigrazione e DICO PDF Stampa E-mail
Scritto da Eva Panitteri   
luned́ 19 febbraio 2007

ImageMolte coppie non sposate da noi sono composte da un cittadino italiano ed un cittadino straniero non comunitario. Negli anni passati la legge vigente ed integrazioni successive tipo "Bossi-Fini", le hanno costrette ad acrobazie ed escamotage per stare insieme. Chi ci è passato racconta storie di permessi per motivi di studio in scuole private, visti per turismo, contratti di lavoro da colf, sanatoria.... Fatiche ed irregolarità (per chi sceglieva la legalità), che hanno coinvolto non solo cittadini dell'Africa -percepiti come extracomunitari per elezione- ma anche di Canada, Polonia, Russia, ed USA. Solo per citarne alcuni.

L'articolo 6 del Disegno di legge, allora, un poco aiuta. Prevede infatti che "il cittadino extracomunitario o apolide, convivente con un italiano e comunitario, che non ha un autonomo diritto di soggiorno, può richiedere il rilascio di un permesso di soggiorno per convivenza. "

Dovesse passare questa legge sui DICO, molte coppie "miste" e non sposate potranno far richiesta di un permesso di soggiorno "per convivenza" ed uscire dal tunnel. Magari anche quelli che -citando una vecchia pubblicità della radio- il tunnel se l'erano arredato! Nel Ddl si parla però di convivenze stabili (ovvero già in essere).

Potranno allora avvalersene nell'immediato coloro che, avendo usufruito di un permesso di soggiorno rilasciato per altri motivi, sono andati a vivere con un italiano/a? In altre parole, potranno allo scadere del primo, rinnovarlo e/o convertirlo in questa nuova veste? Come ci si dovrà regolare se, come frequentemente accade, il convivente straniero è irregolare? Quando il Disegno diventerà Legge urgerà che si ponga mano, con grande attenzione, ad un regolamento attuativo che preveda, sani e chiarisca, tutte le situazioni potenzialmente ambigue. Per non lasciare nessuno indietro. E scongiurare gli abusi.

In Francia la legge sui PACS (Patti civili di solidarietà) introdotta sin dal 1999 offre al convivente straniero di un cittadino francese maggiori possibilità di ottenere un permesso di soggiorno. Nel Regno Unito a fine 2005 entra in vigore la "Civil Partnership" che garantisce all'immigrato gli stessi diritti degli stranieri che si sposano.

Auspichiamo allora che l'Italia, accanto ad una (futura) legge ben fatta, continui a fare bene.

Ultimo aggiornamento ( marted́ 20 febbraio 2007 )
 
Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB