spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Agosto 2017 Settembre 2017 Ottobre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 35 1 2 3
Settimana 36 4 5 6 7 8 9 10
Settimana 37 11 12 13 14 15 16 17
Settimana 38 18 19 20 21 22 23 24
Settimana 39 25 26 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Numero 59 arrow Quale diritto alla Salute se il colera flagella lo Zimbabwe
Quale diritto alla Salute se il colera flagella lo Zimbabwe PDF Stampa E-mail
Scritto da EP   
marted́ 30 dicembre 2008

ImageZIMBABWE – Non si riesce, in Africa, ad organizzare e mantenere una rete sanitaria utile a garantire livelli minimi di salute e di accesso alle cure. Da mesi nello Zimbabwe,un'inflazione galoppante di milioni per cento, unita alla mancanza di acqua pulita e medicine, insieme alla difficoltà di accesso alle cure a causa del collasso del sistema sanitario locale, fanno contare a migliaia i decessi per colera. In un paese che sta attraversando una crisi umanitaria enorme, con 5 milioni di persone, la metà della popolazione, alla fame e una buona parte della popolazione restante fortemente debilitata, il flagello del malgoverno di Robert Mugabe e della lotta di potere uccide ancora.

Più di 1500 le morti dallo scorso agosto, insieme a migliaia i casi sospetti (più di 29mila in 9 delle 10 province del paese, secondo il monitoraggio delle Nazioni Unite). Un'emergenza che sarà difficile arginare e per il rientro della quale l’Organizzazione Mondiale della Sanità stima un tempo di sei mesi. Le agenzie umanitarie dell'Onu si preparano a cifre da crisi sanitaria: i contagiati potrebbero arrivare a 60mila, dicono, perché il colera «continua a diffondersi nel paese senza controllo». Anche l'Unione Europea ha preso posizione e invitato le Nazioni Unite ad "imporre" misure di prevenzione, condannato la lotta fratricida, lo sperpero di vite e risorse. L'aspettativa di vita che era di 60 anni per donne e uomini è scesa negli ultimi dieci anni, a causa delle guerre e del malgoverno a 36 anni per gli uomini e 34 per le donne, che sono maggiormente a rischio di contagio a causa delle cure prestate ai familiari. 

Ultimo aggiornamento ( marted́ 30 dicembre 2008 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB