spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Agosto 2017 Settembre 2017 Ottobre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 35 1 2 3
Settimana 36 4 5 6 7 8 9 10
Settimana 37 11 12 13 14 15 16 17
Settimana 38 18 19 20 21 22 23 24
Settimana 39 25 26 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Diritti e Diritti Umani arrow Discriminazioni arrow 17 ottobre, Giornata mondiale di lotta alla povertà
17 ottobre, Giornata mondiale di lotta alla povertà PDF Stampa E-mail
Scritto da Eva Panitteri   
mercoledì 15 ottobre 2008

ImageROMA – “Ripartire dai poveri” è il titolo del rapporto 2008 sulle povertà e l’esclusione sociale in Italia, presentato mercoledì 15 ottobre da Caritas Italiana e Fondazione Emanuela Zancan Onlus: in uscita in occasione della Giornata mondiale di lotta alla povertà, l'ottavo rapporto su povertà e nuove povertà individua nel nostro paese due segmenti di popolazione prevalentemente in difficoltà, «le persone non autosufficienti e le famiglie con figli»: è povero il 30% delle famiglie con 3 o più figli, vive al Sud il 48,9% di queste famiglie. Cresce invece al Nord la povertà degli anziani soli o non autosufficienti. «Urgente e non più procrastinabile una riflessione sul modello di welfare».

Il 13% della popolazione italiana costretto a «sopravvivere» con un reddito che non arriva neanche alla metà del reddito medio italiano: 500-600 euro al mese che consentono a malapena di arrivare alla “fatidica” terza settimana. Commentano gli osservatori: «avere più figli in Italia comporta un maggiore rischio di povertà, con una penalizzazione non solo per i genitori che si assumono questa responsabilità ma soprattutto per i figli, costretti a una crescita con meno opportunità».


«La scommessa –si legge nella presentazione del rapporto dal sito di Caritas- consiste nel "ripartire dai poveri": vale a dire applicare seriamente il principio di equità sociale e di universalismo selettivo, mettendo al centro degli interventi di sostegno le persone più fragili. Offrire risposte adeguate a chi ha bisogno senza aumentare la spesa complessiva per la protezione sociale è una sfida possibile, se i centri di responsabilità interessati – istituzionali e sociali – sapranno affrontare il problema in termini di autentica collaborazione.»


Numerose le iniziative di solidarietà. A Milano attesi 150 ''saccopelisti'' si dorme per strada in segno di solidarietà: passeranno la notte in piazza Santo Stefano, dove sarà allestita una ''cittadella'' del volontariato. A Roma tutti in piazza alle 20 nel quartiere di San Lorenzo: teatro, musica e cena offerta dalle associazioni. L'invito ai cittadini: ''Non lasciamo soli gli homeless''. "Vuoi sicurezza? Dona accoglienza" è lo slogan di Foggia, dove l'iniziativa è organizzata dall'associazione ''Fratelli della stazione'' che gestisce l'Help center. In un anno assistite 1.666 persone tra migranti e senza dimora. (Redattore Sociale)

Ultimo aggiornamento ( venerdì 17 ottobre 2008 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB