spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Ottobre 2017 Novembre 2017 Dicembre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 44 1 2 3 4 5
Settimana 45 6 7 8 9 10 11 12
Settimana 46 13 14 15 16 17 18 19
Settimana 47 20 21 22 23 24 25 26
Settimana 48 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Diritti e Diritti Umani arrow Discriminazioni arrow 17 ottobre, Giornata mondiale di lotta alla povertà
17 ottobre, Giornata mondiale di lotta alla povertà PDF Stampa E-mail
Scritto da Eva Panitteri   
mercoledì 15 ottobre 2008

ImageROMA – “Ripartire dai poveri” è il titolo del rapporto 2008 sulle povertà e l’esclusione sociale in Italia, presentato mercoledì 15 ottobre da Caritas Italiana e Fondazione Emanuela Zancan Onlus: in uscita in occasione della Giornata mondiale di lotta alla povertà, l'ottavo rapporto su povertà e nuove povertà individua nel nostro paese due segmenti di popolazione prevalentemente in difficoltà, «le persone non autosufficienti e le famiglie con figli»: è povero il 30% delle famiglie con 3 o più figli, vive al Sud il 48,9% di queste famiglie. Cresce invece al Nord la povertà degli anziani soli o non autosufficienti. «Urgente e non più procrastinabile una riflessione sul modello di welfare».

Il 13% della popolazione italiana costretto a «sopravvivere» con un reddito che non arriva neanche alla metà del reddito medio italiano: 500-600 euro al mese che consentono a malapena di arrivare alla “fatidica” terza settimana. Commentano gli osservatori: «avere più figli in Italia comporta un maggiore rischio di povertà, con una penalizzazione non solo per i genitori che si assumono questa responsabilità ma soprattutto per i figli, costretti a una crescita con meno opportunità».


«La scommessa –si legge nella presentazione del rapporto dal sito di Caritas- consiste nel "ripartire dai poveri": vale a dire applicare seriamente il principio di equità sociale e di universalismo selettivo, mettendo al centro degli interventi di sostegno le persone più fragili. Offrire risposte adeguate a chi ha bisogno senza aumentare la spesa complessiva per la protezione sociale è una sfida possibile, se i centri di responsabilità interessati – istituzionali e sociali – sapranno affrontare il problema in termini di autentica collaborazione.»


Numerose le iniziative di solidarietà. A Milano attesi 150 ''saccopelisti'' si dorme per strada in segno di solidarietà: passeranno la notte in piazza Santo Stefano, dove sarà allestita una ''cittadella'' del volontariato. A Roma tutti in piazza alle 20 nel quartiere di San Lorenzo: teatro, musica e cena offerta dalle associazioni. L'invito ai cittadini: ''Non lasciamo soli gli homeless''. "Vuoi sicurezza? Dona accoglienza" è lo slogan di Foggia, dove l'iniziativa è organizzata dall'associazione ''Fratelli della stazione'' che gestisce l'Help center. In un anno assistite 1.666 persone tra migranti e senza dimora. (Redattore Sociale)

Ultimo aggiornamento ( venerdì 17 ottobre 2008 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB