spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Agosto 2017 Settembre 2017 Ottobre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 35 1 2 3
Settimana 36 4 5 6 7 8 9 10
Settimana 37 11 12 13 14 15 16 17
Settimana 38 18 19 20 21 22 23 24
Settimana 39 25 26 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Diritti e Diritti Umani arrow Discriminazioni arrow “Le classi ponte non sono discriminatorie” risponde da Milano una piccola straniera
“Le classi ponte non sono discriminatorie” risponde da Milano una piccola straniera PDF Stampa E-mail
Scritto da GIM   
giovedì 20 novembre 2008

ImageRoma,20 nov.2008 - Mentre a Roma si svolgeva a Montecitorio la giornata nazionale dei diritti dell’infanzia e Alessandra Mussolini , ricordava che “dobbiamo lottare per ridurre gli spot pubblicitari, nella fascia protetta come hanno fatto Germania e Francia”, Berlusconi affermava: “le classi ponte non sono discriminatorie , ma tese a dedicare più tempo all’insegnamento dell’italiano, perché l’insufficiente conoscenza della lingua italiana fa si che gli alunni stranieri abbiano percentuali di insuccesso superiori agli alunni italiani”.

Da Milano quasi in parallelo, nel corso dell’iniziativa “Question time! I bambini interrogano il loro assessore" arrivava la risposta .Tra gli eventi promossi in varie città, al Comune di Milano, Mariolina Moioli, assessora alla Famiglia, Scuola e Politiche sociali e il Presidente del Consiglio comunale, Palmeri, hanno incontrato gli alunni delle scuole primarie e secondarie di primo grado per l’iniziativa “Question Time”...

 

Nel corso dell’incontro bambini e bambine hanno sottoposto all’assessora richieste legate alla vita quotidiana ad esempio miglioramento delle mense scolastiche, e soluzioni legate allo studio insieme tra italiani e stranieri perché come ha affermato una delle bambine nell’intervista trasmessa per radio “stare insieme a chi parla bene l’italiano aiuta anche noi a parlare bene”. Come non sanno più fare i vecchi, ma come ben sanno i giovani che da anni imparano dai loro coetanei di ogni parte del mondo a comunicare in un’altra lingua.

 

Ultimo aggiornamento ( giovedì 20 novembre 2008 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB