spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Agosto 2017 Settembre 2017 Ottobre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 35 1 2 3
Settimana 36 4 5 6 7 8 9 10
Settimana 37 11 12 13 14 15 16 17
Settimana 38 18 19 20 21 22 23 24
Settimana 39 25 26 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Donne al top arrow Politica arrow La Baronessa che ferma le guerre
La Baronessa che ferma le guerre PDF Stampa E-mail
Scritto da La Redazione   
martedì 23 dicembre 2008

ImageFOCUS DIRITTI UMANI - Rosalyn Higgins, 71 anni, baronessa, londinese, è la presidente della Corte Internazionale di Giustizia, il massimo organo giurisdizionale delle Nazioni unite. Proprio a lei sempre più capi di stato si rivolgono per dirimere i conflitti. «È stata il primo giudice donna a essere nominata nel 1995 fra i 15 membri del massimo organo giurisdizionale dell’Onu. Undici anni dopo ne è diventata presidente facendo conquistare alla Corte fama di imparzialità ed efficienza. “Il mondo attraversa un periodo in cui gli Stati preferiscono rivolgersi a noi per risolvere le loro dispute piuttosto che fare le guerre” dice Higgins in esclusiva a Panorama. “I casi che oggi trattiamo non riguardano solo le frontiere marittime o quelle terrestri, ma anche l’uso della forza, i danni ambientali e le immunità dei capi di Stato”.

Con sede nel Palazzo della Pace all’Aia, Paesi Bassi, la Corte internazionale di giustizia ha emesso dalla fondazione, nel 1946, 97 sentenze. Ma svolge un ruolo ancor più decisivo: fornisce opinioni legali alle organizzazioni internazionali e alle agenzie Onu, che fanno poi testo. L’ultima riguarda la dichiarazione unilaterale d’indipendenza del Kosovo. “Con meno dell’1 per cento del budget complessivo dell’Onu siamo sicuramente l’organo con il miglior rapporto costi-efficienza” si inorgoglisce Higgins, che nel 2007 ha vinto il premio Balzan.

La Corte è mai riuscita a prevenire o a fermare una guerra?

Ci sono conflitti che non si sono ancora trasformati in guerra aperta, dove comunque si combatte e la gente perde la vita. In tali casi la Corte è intervenuta con successo. Prendiamo la disputa territoriale fra Libia e Ciad. Noi abbiamo informato Tripoli che la regione a nord del Ciad non apparteneva alla Libia. In quattro mesi le truppe libiche hanno abbandonato la zona, dove si combatteva da 14 anni. Lo stesso è successo fra Camerun e Nigeria. E non è stato facile lo scorso agosto per il governo nigeriano cedere la penisola di Bakassi, che occupava da decenni.
Però in Africa i genocidi continuano. Anzi, si intensificano.

Non spetta alla Corte prevenire i genocidi: identifichiamo con precisione gli atti internazionali di guerra che si possono classificare come genocidio. Non è un gesto vuoto: la nostra è una notifica agli altri Stati affinché facciano il loro dovere, secondo la convenzione contro il genocidio.
In che modo intervenite a difesa dei diritti umani?

Chiariamo: noi ci occupiamo di casi che riguardano gli Stati, non gli individui. Ma, a volte, un individuo i cui diritti sono stati offesi in un altro Stato può essere difeso dal proprio Stato di appartenenza. È successo di recente fra Georgia e Federazione Russa. La Georgia si è rivolta a noi per porre un preciso interrogativo: la Russia rispetta i suoi obblighi o viola la convenzione contro la discriminazione razziale? Ecco come possiamo agire con le nostre sentenze (passate, presenti e future) anche sui diritti umani. »

(Panorama.it 23/12/2008)

 

Ultimo aggiornamento ( martedì 23 dicembre 2008 )
 
Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB