spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

CERCATECI ANCHE SUI SOCIAL @powergender

Calendario Eventi


 
Ottobre 2019 Novembre 2019 Dicembre 2019
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 44 1 2 3
Settimana 45 4 5 6 7 8 9 10
Settimana 46 11 12 13 14 15 16 17
Settimana 47 18 19 20 21 22 23 24
Settimana 48 25 26 27 28 29 30
 


AFFI

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Numero 61 arrow Obama chiuderà Guantanamo
Obama chiuderà Guantanamo PDF Stampa E-mail
Scritto da EP   
lunedì 12 gennaio 2009

ImageDIRITTI UMANI - Amnesty International ha chiesto al presidente eletto Barack Obama di annunciare la data effettiva della chiusura del carcere di Guantanamo "immediatamente dopo la sua entrata in carica e di tradurre in realtà il suo impegno a porre fine alle violazioni dei diritti umani che hanno contraddistinto le politiche e le pratiche antiterrorismo statunitensi negli ultimi sette anni". Chiede inoltre di "adottare, nel corso dei suoi primi 100 giorni, concrete riforme nel campo dei diritti umani".

L'organizzazione per i diritti umani ha anche sollecitato il presidente eletto a sostenere l'istituzione di una commissione indipendente d'inchiesta sulle violazioni dei diritti umani commesse nel contesto della "guerra al terrore" dagli Usa o in nome degli Usa, con l'obiettivo di stabilire le responsabilità e marcare un fondamentale cambiamento di rotta nelle politiche antiterrorismo statunitensi.

"Non stiamo chiedendo l'impossibile. Barack Obama ha già dichiarato la sua intenzione di rimediare ad alcuni degli sbagli autorizzati dall'amministrazione statunitense in nome della sicurezza nazionale. Ora gli chiediamo di tradurre il suo impegno in realtà" - ha dichiarato Irene Khan, Segretaria generale di Amnesty International.

"Abbiamo apprezzato il fatto che Guantánamo sia diventato un tema prioritario" - ha proseguito Irene Khan. "La sua chiusura potrà rappresentare l'inizio di una chiara inversione di tendenza rispetto alle precedenti politiche in materia di detenzione, ma solo se verrà realizzata rispettando in pieno gli obblighi internazionali degli Usa. Il rischio ora è nei dettagli: non dev'esserci alcuna nuova Guantánamo, con un nome diverso o in un posto diverso".

Ultimo aggiornamento ( martedì 13 gennaio 2009 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB