spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Agosto 2017 Settembre 2017 Ottobre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 35 1 2 3
Settimana 36 4 5 6 7 8 9 10
Settimana 37 11 12 13 14 15 16 17
Settimana 38 18 19 20 21 22 23 24
Settimana 39 25 26 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Numero 64 arrow Quando lo straniero Ŕ "normale"
Quando lo straniero Ŕ "normale" PDF Stampa E-mail
Scritto da dal Redattore Sociale   
venerdý 13 febbraio 2009

ImageSOCIETA' - Non mangiano alle mense Caritas, non dormono negli ostelli, non si trovano in carcere e non chiedono l’elemosina. Gente che condivide lo stile di vita e le ambizioni della cosiddetta classe medio-bassa romana. Dal V° Rapporto dell’Osservatorio romano sulle migrazioni, promosso dalla Caritas diocesana, un’immagine di normalità al di là dei "fatti di cronaca".

I NUMERI: Secondo il rapporto, sono 404.400 gli stranieri presenti in provincia (481mila nel Lazio), il 7,9% della popolazione. Per l’Istat erano 321.887 al 1 gennaio 2008. La discrepanza tra i dati dipende dal fatto che la Caritas conteggia anche lavoratori assunti per la prima volta nel corso nell’anno.

IL LAVORO: Il titolo di studio non aiuta. 6 stranieri su 10 svolgono lavoro manuale non qualificato. Solo uno su 10 è dirigente o ha mansioni ad alta qualificazione. Gli stranieri incidono per l’8,7% sull’occupazione complessiva (tasso di attività del 75,1%). Metà di essi è impiegato nei servizi di cura. La maggior parte guadagna in media 916 euro al mese ma non si fanno mancare ciò che serve. 15 mila i cittadini stranieri titolari d’impresa.

GLI INFORTUI:  nel 2007 8 infortuni al giorno. Si tratta di 3.017 denunce di infortunio, delle quali più di un quarto (821) riguardano i romeni.

LE RIMESSE: Dei 6 miliardi di euro che vengono inviati dall’Italia come rimesse, 1,5 miliardi partono dalla provincia di Roma (una quota pro-capite di 4.676 euro l’anno, tre volte più della media nazionale). In testa cinesi e i filippini.

Pittau: "Le acque non sono affatto tranquille". Il responsabile dell'Osservatorio romano sulle migrazioni ricorda il ragazzo bengalese aggredito nella Capitale e ribadisce che l'immigrazione “non è un male, ma una risorsa della società”.

Di Tora (Caritas Roma): ''Le classi più disagiate non sono una realtà da cui difendersi e non è giusto che su di esse vengano scaricati i problemi della città".

Ultimo aggiornamento ( venerdý 13 febbraio 2009 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB