spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Ottobre 2017 Novembre 2017 Dicembre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 44 1 2 3 4 5
Settimana 45 6 7 8 9 10 11 12
Settimana 46 13 14 15 16 17 18 19
Settimana 47 20 21 22 23 24 25 26
Settimana 48 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Numero 64 arrow Quando lo straniero Ŕ "normale"
Quando lo straniero Ŕ "normale" PDF Stampa E-mail
Scritto da dal Redattore Sociale   
venerdý 13 febbraio 2009

ImageSOCIETA' - Non mangiano alle mense Caritas, non dormono negli ostelli, non si trovano in carcere e non chiedono l’elemosina. Gente che condivide lo stile di vita e le ambizioni della cosiddetta classe medio-bassa romana. Dal V° Rapporto dell’Osservatorio romano sulle migrazioni, promosso dalla Caritas diocesana, un’immagine di normalità al di là dei "fatti di cronaca".

I NUMERI: Secondo il rapporto, sono 404.400 gli stranieri presenti in provincia (481mila nel Lazio), il 7,9% della popolazione. Per l’Istat erano 321.887 al 1 gennaio 2008. La discrepanza tra i dati dipende dal fatto che la Caritas conteggia anche lavoratori assunti per la prima volta nel corso nell’anno.

IL LAVORO: Il titolo di studio non aiuta. 6 stranieri su 10 svolgono lavoro manuale non qualificato. Solo uno su 10 è dirigente o ha mansioni ad alta qualificazione. Gli stranieri incidono per l’8,7% sull’occupazione complessiva (tasso di attività del 75,1%). Metà di essi è impiegato nei servizi di cura. La maggior parte guadagna in media 916 euro al mese ma non si fanno mancare ciò che serve. 15 mila i cittadini stranieri titolari d’impresa.

GLI INFORTUI:  nel 2007 8 infortuni al giorno. Si tratta di 3.017 denunce di infortunio, delle quali più di un quarto (821) riguardano i romeni.

LE RIMESSE: Dei 6 miliardi di euro che vengono inviati dall’Italia come rimesse, 1,5 miliardi partono dalla provincia di Roma (una quota pro-capite di 4.676 euro l’anno, tre volte più della media nazionale). In testa cinesi e i filippini.

Pittau: "Le acque non sono affatto tranquille". Il responsabile dell'Osservatorio romano sulle migrazioni ricorda il ragazzo bengalese aggredito nella Capitale e ribadisce che l'immigrazione “non è un male, ma una risorsa della società”.

Di Tora (Caritas Roma): ''Le classi più disagiate non sono una realtà da cui difendersi e non è giusto che su di esse vengano scaricati i problemi della città".

Ultimo aggiornamento ( venerdý 13 febbraio 2009 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB