spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Agosto 2017 Settembre 2017 Ottobre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 35 1 2 3
Settimana 36 4 5 6 7 8 9 10
Settimana 37 11 12 13 14 15 16 17
Settimana 38 18 19 20 21 22 23 24
Settimana 39 25 26 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Numero 65 arrow Parità: ancora lontana quella tra donne e uomini
Parità: ancora lontana quella tra donne e uomini PDF Stampa E-mail
Scritto da Eva Panitteri   
luned́ 02 marzo 2009

ImageROMA - Il percorso verso la parità tra donna e uomo non è facile e si presenta pure accidentato: stando al rapporto "Crisi globale. La risposta: ripartire dai diritti", presentato il 19 febbraio a Roma da Social Watch il nostro paese si posiziona al 70° posto sui 157 paesi presi in considerazione. L'Italia si posiziona dunque dopo Bolivia, Botswana, Bielorussia, Repubblica domenicana e Singapore secondo quanto rileva l'Indice sulla parità di genere (Gei) calcolato per il periodo 2004-2008. Partendo da criteri di valutazione, quali istruzione, empowerment e situazione economica, l'indice ha evidenziato come oltre la metà delle donne del mondo viva in paesi che negli ultimi anni non hanno registrato alcun progresso nella parità di genere.

E se le donne in politica rappresentano uno sparuto solo 17%, la forbice salariale fa registrare un divario abissale, che si attesta circa al 32%: Roberto Bissio, coordinatore internazionale del Social Watch precisa: “Il Gei 2008 mostra come un elevato reddito pro capite non sia garanzia di uguaglianza”.

(ASCA) – "Tra i paesi di cui e' possibile misurare l'evoluzione rispetto ai dati del 2000, solo 21 registrano progressi degni di nota, altri 55 mostrano miglioramenti lenti e ridotti, mentre ben 77 sono fermi. Passi indietro si registrano invece in Asia Centrale, America latina, Caraibi e persino in Europa (Georgia). Il peggioramento più consistente degli indicatori sociali si osserva nei paesi dell'Africa subsahariana. Un dato preoccupante, perchè in questa regione già in precedenza si registravano i valori più bassi dell'indice."

Ultimo aggiornamento ( luned́ 02 marzo 2009 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB