spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Novembre 2017 Dicembre 2017 Gennaio 2018
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 48 1 2 3
Settimana 49 4 5 6 7 8 9 10
Settimana 50 11 12 13 14 15 16 17
Settimana 51 18 19 20 21 22 23 24
Settimana 52 25 26 27 28 29 30 31
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Migranti arrow Accade in Italia arrow Razzismi quotidiani: il Bel Paese non è accogliente
Razzismi quotidiani: il Bel Paese non è accogliente PDF Stampa E-mail
Scritto da Eva Panitteri   
giovedì 29 gennaio 2009

ImageMILANO - Una media di 1,3 episodi di razzismo al giorno emerge dalle interviste a 580 cittadini stranieri nell'arco di un mese. Insieme a 33 giorni di monitoraggio dei mezzi di informazione. L'associazione Naga e la Ong Cospe hanno messo a punto un rapporto, dal titolo "Razzismi quotidiani", che mette a "confronto l’informazione in materia di discriminazione e razzismo, con l’effettivo vissuto dei cittadini stranieri". I dati raccolti evidenziano un verificarsi diffuso di atti di violenza e discriminazione perpetrati quotidianamente dalle forze dell’ordine, dai controllori sui mezzi pubblici, dal personale della sicurezza privata, dai datori di lavoro, come da gruppi di persone o singoli individui.

Il quadro che ne emerge è preoccupante, e conferma una tendenza alla conflittualità diffusa, con l'aggravante dei futili motivi, che avvolge ed appesantisce le relazioni interpersonali: ad almeno un intervistato su 5, infatti, "è capitato di essere trattato male dalle forze dell’ordine; ad 1 persona su 5 di dormire per strada; a 3 persone su 10 di essere offese sui mezzi pubblici e di essere guardate male per strada; a 3 persone su 10 di non essere pagate per un lavoro; a più della metà del campione di perdere all’improvviso il lavoro. E' la preoccupazione di ammalarsi a prevalere, che si intreccia con quella di perdere il lavoro. Per il 65% del campione, infine, la vita in Italia è cambiata negli ultimi anni e, per la grande maggioranza di questi, in modo negativo."

Ultimo aggiornamento ( giovedì 29 gennaio 2009 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB