spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Novembre 2017 Dicembre 2017 Gennaio 2018
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 48 1 2 3
Settimana 49 4 5 6 7 8 9 10
Settimana 50 11 12 13 14 15 16 17
Settimana 51 18 19 20 21 22 23 24
Settimana 52 25 26 27 28 29 30 31
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Politica arrow Politica Italiana arrow Morte della seconda repubblica
Morte della seconda repubblica PDF Stampa E-mail
Scritto da Irene Giacobbe   
venerdì 06 febbraio 2009

ImageRoma 6 febbraio 2009 - L’avvocato Pecorella chiama l’opposizione “bubbone della politica”. Questa mattina sulla rete televisiva La sette nel corso della trasmissione omnibus l’avvocato Pecorella, con viso immobile e sguardo fisso privo di emozione, come si conviene ad un candidato proposto alla carica di giudice della Corte Costituzionale, a garanzia dell’ordinamento repubblicano, ha definito bubbone della politica il senatore Pancho Pardi. L’avvocato Pecorella, avvocato del premier Berlusconi, uomo d’onore, non è un nazista, usa soltanto il linguaggio di un nazifascista. L’avvocato Pecorella è un uomo di legge, conosce le prerogative di un parlamentare, sa come minacciare e offendere senza incorrere apertamente in reati, sa usare la lingua e sa usare la penna per farlo.

Sull’uso della parola scritta di Pecorella resta memorabile la lettera inviata a Ferruccio De Bortoli allora direttore del Corriere della Sera. Era talmente convincente, anche se non conteneva esplicite accuse né minacce, che De Bortoli si dimise. Oggi l’oggetto dichiarato della trasmissione alla quale partecipavano l’avvocato Pecorella e il senatore Pardi era l’allerta lanciato da Di Pietro a fronte dei metodi da nazismo sempre più aperti e sfacciati messi in atto dal Governo Berlusconi. Metodi apprezzati dal piduista Gelli, autore del piano di sovvertimento delle istituzioni denominato Piano di Rinascita, che Berlusconi, come Gelli stesso ha di recente sostenuto nel corso di una intervista, sta attuando. L’acutezza del ragionamento, l’uso di parole dirette per comunicare fatti, non è gradito a chi vuole mano libera e telespettatori confusi. Il senatore Pardi segnalava che in nessun paese normale la proprietà unica dei mezzi televisivi privati e di quelli pubblici è normale, e che il premier è ben lontano dall’usare con discrezione questo potere, anzi, ne sta facendo un uso politico spropositato, acquistando perfino gli ultimi spezzoni di tv locali per utilizzo a fini elettorali, come sta avvenendo in Sardegna, e Pardi citava il rapporto 100 a 1 tra la presenza mediatica di Berlusconi, che vuole l’elezione del figliolo del proprio commercialista sardo, contro il presidente uscente della regione Sardegna Renato Soru. Restano sullo sfondo i contenuti della discussione teletrasmessa che hanno riguardato le “riforme” della giustizia annunciate dalla maggioranza, ritenute inadeguate perfino da quei parlamentari della stessa maggioranza che almeno in questo caso non sembrano disponibili, tutti i giorni del calendario, a presentarsi in parlamento piegati ad angolo retto e con occhi e orecchie bendati. Ci preme segnalare che il nazifascismo inizia proprio con le minacce, le offese, l’abuso di potere della maggioranza contro l’opposizione, e che l’avvocato Pecorella, deliberatamente, e per farlo comprendere a tutti, ha abbassato la bandiera dello starter per il via di questa terza repubblica in televisione,

Irene Giacobbe

 

Ultimo aggiornamento ( venerdì 06 febbraio 2009 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB