spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Ottobre 2017 Novembre 2017 Dicembre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 44 1 2 3 4 5
Settimana 45 6 7 8 9 10 11 12
Settimana 46 13 14 15 16 17 18 19
Settimana 47 20 21 22 23 24 25 26
Settimana 48 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Lavoro&pari opportunità arrow Pari Opportunità arrow UE: la Commissione Diritti della Donna e Parità di genere difende il proprio statuto
UE: la Commissione Diritti della Donna e Parità di genere difende il proprio statuto PDF Stampa E-mail
Scritto da Marisa Giuliani   
venerdì 20 febbraio 2009

ImagePARLAMENTO EUROPEO - Con una lettera inviata al Presidente Hans-Gert Pöttering e resa nota ieri, fine pomeriggio, nel corso di una Conferenza Stampa, la Commissione per i Diritti della Donna e la Parità di genere del Parlamento europeo chiede che vengano mantenuti e rinforzati ruolo e poteri attuali della medesima. E non diminuiti nel futuro Parlamento che uscirà dalle prossime elezioni europee, come invece proposto dal gruppo di lavoro sulla riforma delle strutture del Parlamento.

I coordinatori dei Gruppi politici e la Presidente della Commissione Donne rifiutano quindi le opzioni proposte. E, in sostanza, ribadiscono quanto in più lettere hanno richiesto già lo scorso anno al Presidente Pöttering e al Presidente della Conferenza dei Presidenti delle Commissioni: mantenere lo statuto di Commissione neutralizzata. Ciò significa che un membro titolare nella Commissione Donne può essere membro titolare anche in una seconda Commissione e Supplente ancora in una terza. Con forte possibilità di promozione e coordinazione del gender mainstreaming nei lavori di altre commissioni e delegazioni quale effetto demoltiplicatore. Il terzo (importante) punto sollevato concerne il campo dell’Occupazione e gli Affari sociali nel quale la Commissione Donne deve conservare le sue responsabilità in materia di parità donne/uomini. E’ dunque necessario definire con più chiarezza le rispettive competenze con la Comissione Occupazione. Il quarto punto riguarda la salvaguardia dei compiti essenziali della Commissione Donne: dalla lotta contro la violenza verso donne e minori, alla promozione delle donne nel processo decisionale. Va qui ricordato che la Commissione per i Diritti della Donna, costituita nel 1981, ha svolto un ruolo motore nel promuovere le Pari Opportunità nell’Unione europea e dato maggiore visibilità sul piano internazionale alla questione dei diritti delle donne. Ridurre le competenze della Commissione Donne del PE sarebbe un segnale disastroso per i 250 milioni di cittadine europee, con alle porte le Elezioni nei giorni 6-7 del prossimo mese di giugno.

Marisa Giuliani (Bruxelles, 18-19 febbraio 2009)

 

Ultimo aggiornamento ( martedì 24 febbraio 2009 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB