spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Agosto 2017 Settembre 2017 Ottobre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 35 1 2 3
Settimana 36 4 5 6 7 8 9 10
Settimana 37 11 12 13 14 15 16 17
Settimana 38 18 19 20 21 22 23 24
Settimana 39 25 26 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Lavoro&pari opportunità arrow Pari Opportunità arrow UE: la Commissione Diritti della Donna e Parità di genere difende il proprio statuto
UE: la Commissione Diritti della Donna e Parità di genere difende il proprio statuto PDF Stampa E-mail
Scritto da Marisa Giuliani   
venerdì 20 febbraio 2009

ImagePARLAMENTO EUROPEO - Con una lettera inviata al Presidente Hans-Gert Pöttering e resa nota ieri, fine pomeriggio, nel corso di una Conferenza Stampa, la Commissione per i Diritti della Donna e la Parità di genere del Parlamento europeo chiede che vengano mantenuti e rinforzati ruolo e poteri attuali della medesima. E non diminuiti nel futuro Parlamento che uscirà dalle prossime elezioni europee, come invece proposto dal gruppo di lavoro sulla riforma delle strutture del Parlamento.

I coordinatori dei Gruppi politici e la Presidente della Commissione Donne rifiutano quindi le opzioni proposte. E, in sostanza, ribadiscono quanto in più lettere hanno richiesto già lo scorso anno al Presidente Pöttering e al Presidente della Conferenza dei Presidenti delle Commissioni: mantenere lo statuto di Commissione neutralizzata. Ciò significa che un membro titolare nella Commissione Donne può essere membro titolare anche in una seconda Commissione e Supplente ancora in una terza. Con forte possibilità di promozione e coordinazione del gender mainstreaming nei lavori di altre commissioni e delegazioni quale effetto demoltiplicatore. Il terzo (importante) punto sollevato concerne il campo dell’Occupazione e gli Affari sociali nel quale la Commissione Donne deve conservare le sue responsabilità in materia di parità donne/uomini. E’ dunque necessario definire con più chiarezza le rispettive competenze con la Comissione Occupazione. Il quarto punto riguarda la salvaguardia dei compiti essenziali della Commissione Donne: dalla lotta contro la violenza verso donne e minori, alla promozione delle donne nel processo decisionale. Va qui ricordato che la Commissione per i Diritti della Donna, costituita nel 1981, ha svolto un ruolo motore nel promuovere le Pari Opportunità nell’Unione europea e dato maggiore visibilità sul piano internazionale alla questione dei diritti delle donne. Ridurre le competenze della Commissione Donne del PE sarebbe un segnale disastroso per i 250 milioni di cittadine europee, con alle porte le Elezioni nei giorni 6-7 del prossimo mese di giugno.

Marisa Giuliani (Bruxelles, 18-19 febbraio 2009)

 

Ultimo aggiornamento ( martedì 24 febbraio 2009 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB