spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Ottobre 2017 Novembre 2017 Dicembre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 44 1 2 3 4 5
Settimana 45 6 7 8 9 10 11 12
Settimana 46 13 14 15 16 17 18 19
Settimana 47 20 21 22 23 24 25 26
Settimana 48 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Numero 3 arrow Zil-e-Huma Usman Ministro degli affari sociali del Pakistan, uccisa in un agguato
Zil-e-Huma Usman Ministro degli affari sociali del Pakistan, uccisa in un agguato PDF Stampa E-mail
Scritto da I.giacobbe   
giovedě 22 febbraio 2007
ImageE’ stata assassinata con due colpi di pistola alle spalle, a Guajarawaia, nella sede della lega musulmana, il partito progressista di maggioranza, mentre si preparava a tenere un discorso ai quadri del partito. Nel 2002 era stata eletta al Parlamento grazie alla legge sulle quote introdotta in Pakistan

Era diventata ministra degli affari sociali nel 2006. Laureata in scienze politiche era stata per tre anni segretaria della Commissione per la pianificazione e lo sviluppo. Come ministra per gli affari sociali aveva avviato immediatamente una campagna contro la corruzione e gli sprechi, in particolare nei centri di assistenza per le donne, per i bambini e per gli emarginati. Poche settimane prima di essere uccisa aveva messo sotto inchiesta per corruzione diversi funzionari del centro di assistenza di Lahore.

Huma aveva sostenuto la politica del Governo a favore dell’abolizione del “delitto d’onore” e la decisione di affidare a regolari corti di giustizia, e non più alle corti islamiche, i casi di violenza sessuale. L’ultima proposta di legge di Huma riguardava il divieto dei “matrimoni forzati delle donne” e la pratica di dare in sposa una bambina anche di 5 o 6 anni per pacificare una faida tribale. Nella città di Guajarawaia aveva organizzato una maratona aperta a ragazze e ragazzi.

E’ stata uccisa da un muratore quarantenne, disoccupato, religioso, militante dei gruppi islamici fondamentalisti, che aveva già ucciso dodici donne (prostitute dice lui). Uscito di prigione da neanche un anno.

Ultimo aggiornamento ( lunedě 26 febbraio 2007 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB