spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

CERCATECI ANCHE SUI SOCIAL @powergender

Calendario Eventi


 
Giugno 2019 Luglio 2019 Agosto 2019
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 27 1 2 3 4 5 6 7
Settimana 28 8 9 10 11 12 13 14
Settimana 29 15 16 17 18 19 20 21
Settimana 30 22 23 24 25 26 27 28
Settimana 31 29 30 31
 


AFFI

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Numero 68 arrow Salute: la paura delle donne immigrate
Salute: la paura delle donne immigrate PDF Stampa E-mail
Scritto da Eva Panitteri   
sabato 21 marzo 2009

ImageMILANO – Per timore della normativa che vorrebbe -di fatto- imporre ai medici di denunciare i migranti senza le "carte in regola" per stare nel nostro paese, le donne straniere incinte, in caso di problemi, si rivolgono all'ospedale più tardi di quanto dovrebbero. Ne da notizia l'Unità, ma a segnalarlo è Basilio Tiso, direttore sanitario della Clinica Mangiagalli di Milano.

Le donne straniere «si stanno preoccupando eccessivamente, magari qualche bambino sta arrivando più tardi di quanto dovrebbe, e anche qualche donna tarda ad arrivare per paura di essere denunciata. La Mangiagalli, curando donne e bambini, è in prima linea per i loro problemi sanitari, ma ci sono tantissimi aspetti sociali che sono in evidenza. Noi avevamo già un centro di accoglienza per le ragazze che avevano difficoltà a mantenere la gravidanza, oltre a un centro per le maltrattate o violentate, e ora c'è un nuovo centro di accoglienza per assistere coloro che hanno delle difficoltà o che sono impaurite».

In ogni caso, Tiso rassicura le donne che hanno bisogno di aiuto: «Ci sono normative internazionali che proteggono donne e bambini, e la nostra clinica aiuterà le ragazze in difficoltà insieme agli altri centri della Regione. Mi auguro che quello che è un servizio di pubblica sicurezza non interferisca su ciò che invece è sanità e accoglienza dei più deboli, come le donne e i bambini in queste condizioni». E lancia un appello: «Fatevi avanti - ha concluso - l'Italia ha sempre avuto un cuore grande: e una cosa sono i delinquenti, un'altra è la gente che soffre davvero». (l'Unità, 18 Marzo 2009)

Ultimo aggiornamento ( venerdì 20 marzo 2009 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB