spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Agosto 2017 Settembre 2017 Ottobre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 35 1 2 3
Settimana 36 4 5 6 7 8 9 10
Settimana 37 11 12 13 14 15 16 17
Settimana 38 18 19 20 21 22 23 24
Settimana 39 25 26 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Altri argomenti arrow Articoli arrow Lolite: questa immagine "fa male" alle ragazze
Lolite: questa immagine "fa male" alle ragazze PDF Stampa E-mail
Scritto da Eva Panitteri   
mercoledì 21 febbraio 2007

ImageL’immagine femminile nei media, troppo carica di richiami sessuali, nuoce alle ragazze. Lo dimostra un recente studio  della American Psychological Association. E Bill Gates stabilisce: meno di un’ora al giorno in internet per la figlia di 10 anni.


Secondo un gruppo di studiosi USA, quando riviste, televisione, videogames e video musicali propongono una figura femminile eccessivamente carica di richiami sessuali, distorcono la realtà e si rendono responsabili di un effetto diseducativo dannoso.


Lo studio, nato dalla preoccupazione per la crescente sessualizzazione della figura femminile negli USA, identifica alcuni eccessi di raffigurazione: giovani cantanti vestite come oggetti sessuali, bambole per ragazzine in abbigliamento sexy, linee di vestiario per bambina pensate come per le adulte, e donne vestite come  ragazzine.


Ma alla Barbie e ad alle altre bambole si disegnano le mutandine…

Sono stati presi in considerazione anche i contenuti e gli effetti di quanto gira sul web o quanto viene proposto attraverso l’industria cinematografica. Insieme a recenti campagne pubblicitarie e prodotti pensati per questa fascia di consumatrici.

Per citare un esempio vicino, possiamo guardare all’ultima campagna pubblicitaria che da noi sta facendo discutere: targata Dolce&Gabbana, sale alla ribalta delle cronache e se ne chiede il ritiro, per il messaggio di violenza di gruppo, nemmeno tanto sotteso, di cui è portatrice: un uomo tiene una ragazza per i polsi, fermandola a terra, mentre altri 4 stanno a guardare…

Si entra nella sfera del messaggio distorto, segnalano i ricercatori americani, quando il valore che si attribuisce ad una persona passa unicamente per il sex appeal o per il comportamento ammiccante, escludendo altre caratteristiche, e quando una persona è ritratta esclusivamente come oggetto sessuale.

Un esempio per tutti? Una pubblicità di scarpe da ginnastica dove la pop star Christina Aguilera, uniforme da studentessa e camicetta sbottonata, succhia un lecca-lecca. Stando alla ricerca, immagini come questa producono sulle ragazze effetti negativi che si manifestano in vari modi, comprese difficoltà di apprendimento, bassa autostima, danni alla salute fisica e salute mentale, ostacolando -non da ultimo- un sano e normale sviluppo sessuale.

Conseguenze negative oggi ampiamente documentate, come afferma Eileen Zurbriggen, presidente del gruppo cui è affidato lo studio e professore associato in psicologia presso l’Università della California di Santa Cruz. “Dobbiamo sostituire queste immagini -dice- con altre che raffigurino le ragazze in contesti positivi” , immagini che ne rispecchino l’unicità e le competenze.

E mentre Bill Gates, fondatore di Microsoft, e la moglie Melinda razionano l’accesso ad internet alla figlia Jennifer Katarine, di 10 anni (45 minuti al giorno a parte il tempo necessario per svolgere i compiti con l'aggiunta di 15 minuti nel fine settimana), Andrew Hill, docente di medicina psicologica presso l’università di Leeds rilancia: “Siamo una società visuale, la nostra percezione delle persone è condizionata da come queste appaiono”. “Uno dei punti chiave è la responsabilità sociale -afferma- i pubblicitari ed i media devono essere consapevoli che il prodotto che propongono e le immagini ad esso associate producono un effetto, e non è sempre l’effetto migliore”.

Il gruppo si è avvalso dell’aiuto di genitori, istituzioni scolastiche ed esperti di salute, consigliando che nelle scuole si propongano specifici programmi si studio e che il governo faccia la sua parte nel ridurre il passaggio di immagini diseducative nei media e nella pubblicità.

(Fonti: Reuters e BBC)

Ultimo aggiornamento ( mercoledì 28 marzo 2007 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB