spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Agosto 2017 Settembre 2017 Ottobre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 35 1 2 3
Settimana 36 4 5 6 7 8 9 10
Settimana 37 11 12 13 14 15 16 17
Settimana 38 18 19 20 21 22 23 24
Settimana 39 25 26 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Numero 70 arrow Contro la crisi valorizzare il lavoro delle donne
Contro la crisi valorizzare il lavoro delle donne PDF Stampa E-mail
Scritto da Eva Panitteri   
luned́ 20 aprile 2009

ImageCRISI-1 - (ROMA) – Il 24 Aprile dalle 9.00 alle 14.00, Sala delle Colonne, Palazzo Marini, via Poli 19, Roma la Conferenza Womenomics (con Emma Bonino) affronterà da vicino il tema della partecipazione femminile al mondo del lavoro e del contributo femminile allo sviluppo dell'economia in generale. Seppure la crisi finanziaria ed economica sembra non andare più nella direzione di un tracollo globale della finanza, e nonostante per Tremonti sia "finita la paura" (come ha detto alla giornalista Annunziata nel corso della sua partecipazione alla trasmessione ½ Ora la scorsa settimana) e per il ministro del welfare Sacconi "ci sono le condizioni per un cauto ottimismo", molti sono ancora i segnali che invitano alla cautela, primo fra tutti l'incredibile assenza di un evidente cambio di segno nelle politiche economiche. Seppure sia ormai opinione condivisa di esperti del lavoro, economisti, imprenditori ed istituzioni che le donne rappresentano una risorsa fondamentale per la crescita e lo sviluppo economico, in Italia solo il 46.3% delle donne fra i 15 e i 64 anni ha un’ occupazione, percentuale largamente sotto la media europea e inferiore al 60% dell’obiettivo di Lisbona per il 2010. Fra le inattive, il 40% dichiara che vorrebbe lavorare.

"Nell’attuale crisi economica e finanziaria aumentare l’occupazione femminile e valorizzare i talenti e le competenze delle donne significherebbe maggiore crescita economica, maggiore sicurezza materiale per le famiglie, maggiore sostenibilità del sistema pensionistico, maggiore domanda di servizi con creazione di ulteriore occupazione. Non solo, significherebbe anche migliori risultati aziendali: negli ultimi 5 anni, sono stati pubblicati diversi studi che evidenziano il legame tra una più marcata presenza femminile ai vertici delle società e i migliori risultati ottenuti." Per saperne di più.

Ultimo aggiornamento ( marted́ 21 aprile 2009 )
 
Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB