spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Agosto 2017 Settembre 2017 Ottobre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 35 1 2 3
Settimana 36 4 5 6 7 8 9 10
Settimana 37 11 12 13 14 15 16 17
Settimana 38 18 19 20 21 22 23 24
Settimana 39 25 26 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Ancora violenze in Tibet PDF Stampa E-mail
Scritto da EP   
lunedì 09 marzo 2009

ImagePECHINO - Alla vigilia del cinquantesimo anniversario della fallita rivolta contro Pechino (10 marzo 1959), e ad un anno dai fatti di Lhasa, i tibetani tornano in piazza. E la polizia cinese torna a reprimere: arrestati a titolo preventivo 109 monaci da mandare in "rieducazione politica", bloccate le comunicazioni internet e la rete telefonica mobile, e fermati finanche due giornalisti italiani dell'Ansa e di Sky Tg24, rilasciati poco dopo.


Del trend repressivo del governo cinese e della sua polizia che ha prelevato a titolo preventivo «centonove monaci tibetani per sottoporli a "ri-educazione" politica» riferisce l'edizione online del britannico "the times", precisando che «il "sequestro" dei 109 monaci del monastero di Lutsang, nella provincia di Qinhang, è solo una delle tante misure straordinarie adottate da Pechino per scongiurare eventuali disordini anti-cinesi. Fra i provvedimenti eccezionali, il divieto di ingresso ai visitatori stranieri, già scattato, in circa un quarto del territorio della Cina

Ultimo aggiornamento ( lunedì 09 marzo 2009 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB