spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Ottobre 2017 Novembre 2017 Dicembre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 44 1 2 3 4 5
Settimana 45 6 7 8 9 10 11 12
Settimana 46 13 14 15 16 17 18 19
Settimana 47 20 21 22 23 24 25 26
Settimana 48 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Ancora violenze in Tibet PDF Stampa E-mail
Scritto da EP   
lunedì 09 marzo 2009

ImagePECHINO - Alla vigilia del cinquantesimo anniversario della fallita rivolta contro Pechino (10 marzo 1959), e ad un anno dai fatti di Lhasa, i tibetani tornano in piazza. E la polizia cinese torna a reprimere: arrestati a titolo preventivo 109 monaci da mandare in "rieducazione politica", bloccate le comunicazioni internet e la rete telefonica mobile, e fermati finanche due giornalisti italiani dell'Ansa e di Sky Tg24, rilasciati poco dopo.


Del trend repressivo del governo cinese e della sua polizia che ha prelevato a titolo preventivo «centonove monaci tibetani per sottoporli a "ri-educazione" politica» riferisce l'edizione online del britannico "the times", precisando che «il "sequestro" dei 109 monaci del monastero di Lutsang, nella provincia di Qinhang, è solo una delle tante misure straordinarie adottate da Pechino per scongiurare eventuali disordini anti-cinesi. Fra i provvedimenti eccezionali, il divieto di ingresso ai visitatori stranieri, già scattato, in circa un quarto del territorio della Cina

Ultimo aggiornamento ( lunedì 09 marzo 2009 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB