spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Ottobre 2017 Novembre 2017 Dicembre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 44 1 2 3 4 5
Settimana 45 6 7 8 9 10 11 12
Settimana 46 13 14 15 16 17 18 19
Settimana 47 20 21 22 23 24 25 26
Settimana 48 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Donne al top arrow Politica arrow Il premio Nobel Rigoberta Mench¨ si candida alla presidenza del Guatemala
Il premio Nobel Rigoberta Mench¨ si candida alla presidenza del Guatemala PDF Stampa E-mail
Scritto da La Redazione   
giovedý 22 febbraio 2007

ImageIl premio Nobel per la pace nel 1992, Rigoberta Menchù, si candiderà con la sinistra alle prossime elezioni presidenziali programmate per il 9 settembre in Guatemala.

L'attivista per la pace guiderà una nuova coalizione di leader indigeni: "Vogliamo dare speranza a giovani e donne di tutto il mondo". Quarantesette anni, membro di un'etnia maya, la Menchù riceve il Premio Nobel "per il suo lavoro a favore della giustizia sociale e della riconciliazione etno-culturale fondata sul rispetto delle popolazioni autoctone" nell'ambito della guerra civile durata 36 anni nel suo paese, in cui i genitori e suo fratello furono torturati e uccisi. Il conflitto costò la vita a 200mila persone.

GUATEMALA CITY- Attivista nella difesa delle vittime Maya della sanguinaria guerra civile guatemalteca del 1960-1996, la Menchù sarà sostenuta da un'alleanza tra i partiti 'Insieme per il Guatemala' e 'Winaq', una nuova coalizione di leader indigeni.

 

Sarebbe la prima donna indigena a guidare un governo nel suo paese. "Vogliamo dare speranza ai giovani e alle donne che hanno aspettato a lungo per avere riconosciuto il loro diritto alla partecipazione. Non solo in Guatemala, ma in tutto il mondo", ha commentato la candidata.

Con la coalizione la Menchù ha cercato di non perdere l'appoggio di alcune formazioni di contadini, tra cui il Cuc, fondato da suo padre prima di essere ucciso durante la guerra.

Articolo di: www.repubblica.it

Per approfondire: storia e intervista

Ultimo aggiornamento ( giovedý 22 febbraio 2007 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB