spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Agosto 2017 Settembre 2017 Ottobre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 35 1 2 3
Settimana 36 4 5 6 7 8 9 10
Settimana 37 11 12 13 14 15 16 17
Settimana 38 18 19 20 21 22 23 24
Settimana 39 25 26 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Diritti e Diritti Umani arrow Discriminazioni arrow 12 Marzo: giornata mondiale contro la repressione della libertà di informazione sul web
12 Marzo: giornata mondiale contro la repressione della libertà di informazione sul web PDF Stampa E-mail
Scritto da Eva Panitteri   
giovedì 12 marzo 2009

ImageLIBERTA' D'INFORMAZIONE - Internet controllata e monitorata anche nei paesi democratici. Internet trasformata in intranet, ovvero un network non indipendente, censurato da blocchi e filtri di controllo per evitare che le persone abbiano accesso a "scomode informazioni online". Reporter Senza Frontiere ed Amnesty International, nella giornata mondiale contro la repressione della libertà di informazione sul web, lanciano l'allarme e presentano i loro numeri. Sono 12 i paesi "nemici di Internet": Arabia Saudita, Birmania, Cina, Corea del Nord, Cuba, Egitto, Iran, Uzbekistan, Siria, Tunisia, Turkmenistan e Vietnam, ed 11 i governi "sotto vigilanza". Ma gli abusi non risparmiano le "democrazie" di diverse aree del mondo.

Sotto accusa non  solo la Cina, capofila della repressione, ma Australia e Corea del sud, che parrebbero muoversi verso misure più rigide. Accanto al controllo delle informazioni attraverso la censura di determinate parole chiave sui motori di ricerca –avvisa Reporter senza frontiere- "stanno emergendo nuove forme di censura, basate sulla manipolazione delle informazioni". Per creare confusione e mistificare i contenuti online, i regimi repressivi si servono dell'inserimento ad hoc di post di disturbo sui siti web più popolari, oppure organizzano attacchi di hacker.

«Accusate di aver collaborato spesso con i regimi censori - anche loro malgrado, per le fortissime pressioni dei governi - alcune delle grandi imprese globali di Internet hanno reagito con coraggio nei mesi scorsi: Google, Yahoo e Microsoft hanno aderito alla fine del 2008 ai principi del "Global Network Initiative", affermando pubblicamente la volontà di rispettare la libertà di espressione dei loro clienti in tutto il mondo. Una dichiarazione di principio che si spera possa diventare realtà. Per questo nei giorni scorsi Rsf ha lanciato insieme ad Amnesty International un appello ai direttori generali delle tre compagnie, chiedendo che oggi, giornata mondiale contro la cyber-censura, diano un segnale forte a difesa della libertà d'espressione(Repubblica.it)

 

Ultimo aggiornamento ( giovedì 12 marzo 2009 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB