spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Agosto 2017 Settembre 2017 Ottobre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 35 1 2 3
Settimana 36 4 5 6 7 8 9 10
Settimana 37 11 12 13 14 15 16 17
Settimana 38 18 19 20 21 22 23 24
Settimana 39 25 26 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Internazionale arrow UE: quante donne nei governi nazionali?
UE: quante donne nei governi nazionali? PDF Stampa E-mail
Scritto da Ma.Gi.   
venerd́ 27 marzo 2009

ImageBRUXELLES - Soltanto un Paese dell’Unione Europea ha una donna che ricopre la carica di primo ministro (prima ministra), la Germania con Angela Merkel.   E soltanto i seguenti otto Paesi  hanno già avuto una donna alla medesima carica dello Stato : l’Inghilterra, il Portogallo, la Lituania (2 volte), la Francia, la Polonia, la Bulgaria, La Finlandia, e la Germania.  E' la Finlandia ad avere  la più alta percentuale di ministre, con uno splendido  60%.

Nei Paesi dell’UE il diritto di voto e di presentarsi alle elezioni è stato conquistato dalle donne nella prima metà del 20° secolo. Primo fra tutti a riconoscerlo: la Finlandia nel 1906. Da allora le donne hanno gradualmente raggiunto alte cariche politiche nazionali: nel 1918, in Ungheria una donna per la prima volta ha partecipato ad un governo; nel 1927, in Austria una donna è stata eletta presidente di un parlamento; nel 1982 a Malta, una donna è divenuta il primo Capo di uno Stato di un paese dell’UE  e delle donne per la prima volta nel 1979 sono diventate prime ministre in Inghilterra e in Portogallo.

 

Presenza  di donne nella Commissione Europea

 

Attualmente 10 dei 27 Commissari europei sono donne (37%). Nelle precedenti Commissioni, dal 1995-1999 le donne erano 5 su 15i. Dopo l’allargamento (dal 1999-2004) sono diventate 8 su 25.

 

Presenza di donne al Parlamento Europeo

 

L’Assemblea della CECA (che precedeva il PE), nel 1952 contava il 6% di donne.  Da allora il numero delle donne è aumentato gradualmente tra i deputati europei.  Alle prime elezioni dirette le donne elette sono state il 16% ed attualmente la loro presenza si attesta al 31% (244  dei 785 deputati europei, dati del 24 febbraio 2009). Va ricordato che il PE ha avuto due donne tra i suoi  presidenti: Simone Veil (1979-1982) e Nicole Fontaine (1999-2002).  Nell’attuale legislatura che sta per finire,  tre dei sette gruppi politici hanno donne alla carica di  co-presidenti.  (Verdi/ALE, UEN, IND/DEM)  Il PE ha cinque donne Vice-presidente (36%), 2 donne tra i questori (33%), 6 donne presidenti di commissioni o sotto-commissioni, e 14 donne presidenti di delegazione (37%).

 

UE-27 : La presenza delle  DONNE NEI GOVERNI NAZIONALI (Ministre e Segretarie di Stato), 2008.

Belgio : 31,8%                                    Lussemburgo : 20,0%

Bulgaria : 29,5%                                 Ungheria : 13,5%

Repubblica Ceca : 11,1%                    Malta : 13,3%

Danimarca : 36,8%                             Olanda : 40,7%

Germania : 32,6%                              Austria : 35,0%

Estonia : 21,4%                                  Polonia : 20,7%

Irlanda : 14,3%                                  Portogallo : 11,1%

Grecia: 7,3%                                       Romania : 0,0%

Spagna : 43,9%                                 Slovenia : 22,5%

Francia : 34,2%                                  Slovacchia : 14,3%

Italia : 14,8%                                    Finlandia : 60,0%

Cipro : 12,0%                                     Svezia : 45,5%

Lettonia : 27,0%                                Inghilterra : 34,4%

Lituania : 18,5%                                 Media UE : 24,9%

Presenza di donne al Parlamento Europeo dal 1979 

 

1979 - 1984 : 16,34%   

1984 - 1989 : 17,74%

1989 - 1994 : 19,31%

1994 - 1999 : 25,93%

1999 - 2004 : 30,19%

2004 - 2009 : 31,08%

*Secondo una relazione della Commissione europea sugli uomini e le donne nel processo decisionale,  2008, « il numero di donne parlamentari è essenzialmente influenzato dal sistema elettorale e dall’utilizzo delle quote ».  Nell’UE, i Paesi che annoverano più del 30% di donne parlamentari hanno un sistema elettorale cha si basa sulla rappresentanza proporzionale.

 

 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB