spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Ottobre 2017 Novembre 2017 Dicembre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 44 1 2 3 4 5
Settimana 45 6 7 8 9 10 11 12
Settimana 46 13 14 15 16 17 18 19
Settimana 47 20 21 22 23 24 25 26
Settimana 48 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Internazionale arrow UE: quante donne nei governi nazionali?
UE: quante donne nei governi nazionali? PDF Stampa E-mail
Scritto da Ma.Gi.   
venerd́ 27 marzo 2009

ImageBRUXELLES - Soltanto un Paese dell’Unione Europea ha una donna che ricopre la carica di primo ministro (prima ministra), la Germania con Angela Merkel.   E soltanto i seguenti otto Paesi  hanno già avuto una donna alla medesima carica dello Stato : l’Inghilterra, il Portogallo, la Lituania (2 volte), la Francia, la Polonia, la Bulgaria, La Finlandia, e la Germania.  E' la Finlandia ad avere  la più alta percentuale di ministre, con uno splendido  60%.

Nei Paesi dell’UE il diritto di voto e di presentarsi alle elezioni è stato conquistato dalle donne nella prima metà del 20° secolo. Primo fra tutti a riconoscerlo: la Finlandia nel 1906. Da allora le donne hanno gradualmente raggiunto alte cariche politiche nazionali: nel 1918, in Ungheria una donna per la prima volta ha partecipato ad un governo; nel 1927, in Austria una donna è stata eletta presidente di un parlamento; nel 1982 a Malta, una donna è divenuta il primo Capo di uno Stato di un paese dell’UE  e delle donne per la prima volta nel 1979 sono diventate prime ministre in Inghilterra e in Portogallo.

 

Presenza  di donne nella Commissione Europea

 

Attualmente 10 dei 27 Commissari europei sono donne (37%). Nelle precedenti Commissioni, dal 1995-1999 le donne erano 5 su 15i. Dopo l’allargamento (dal 1999-2004) sono diventate 8 su 25.

 

Presenza di donne al Parlamento Europeo

 

L’Assemblea della CECA (che precedeva il PE), nel 1952 contava il 6% di donne.  Da allora il numero delle donne è aumentato gradualmente tra i deputati europei.  Alle prime elezioni dirette le donne elette sono state il 16% ed attualmente la loro presenza si attesta al 31% (244  dei 785 deputati europei, dati del 24 febbraio 2009). Va ricordato che il PE ha avuto due donne tra i suoi  presidenti: Simone Veil (1979-1982) e Nicole Fontaine (1999-2002).  Nell’attuale legislatura che sta per finire,  tre dei sette gruppi politici hanno donne alla carica di  co-presidenti.  (Verdi/ALE, UEN, IND/DEM)  Il PE ha cinque donne Vice-presidente (36%), 2 donne tra i questori (33%), 6 donne presidenti di commissioni o sotto-commissioni, e 14 donne presidenti di delegazione (37%).

 

UE-27 : La presenza delle  DONNE NEI GOVERNI NAZIONALI (Ministre e Segretarie di Stato), 2008.

Belgio : 31,8%                                    Lussemburgo : 20,0%

Bulgaria : 29,5%                                 Ungheria : 13,5%

Repubblica Ceca : 11,1%                    Malta : 13,3%

Danimarca : 36,8%                             Olanda : 40,7%

Germania : 32,6%                              Austria : 35,0%

Estonia : 21,4%                                  Polonia : 20,7%

Irlanda : 14,3%                                  Portogallo : 11,1%

Grecia: 7,3%                                       Romania : 0,0%

Spagna : 43,9%                                 Slovenia : 22,5%

Francia : 34,2%                                  Slovacchia : 14,3%

Italia : 14,8%                                    Finlandia : 60,0%

Cipro : 12,0%                                     Svezia : 45,5%

Lettonia : 27,0%                                Inghilterra : 34,4%

Lituania : 18,5%                                 Media UE : 24,9%

Presenza di donne al Parlamento Europeo dal 1979 

 

1979 - 1984 : 16,34%   

1984 - 1989 : 17,74%

1989 - 1994 : 19,31%

1994 - 1999 : 25,93%

1999 - 2004 : 30,19%

2004 - 2009 : 31,08%

*Secondo una relazione della Commissione europea sugli uomini e le donne nel processo decisionale,  2008, « il numero di donne parlamentari è essenzialmente influenzato dal sistema elettorale e dall’utilizzo delle quote ».  Nell’UE, i Paesi che annoverano più del 30% di donne parlamentari hanno un sistema elettorale cha si basa sulla rappresentanza proporzionale.

 

 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB