spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Novembre 2017 Dicembre 2017 Gennaio 2018
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 48 1 2 3
Settimana 49 4 5 6 7 8 9 10
Settimana 50 11 12 13 14 15 16 17
Settimana 51 18 19 20 21 22 23 24
Settimana 52 25 26 27 28 29 30 31
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Diritti e Diritti Umani arrow Discriminazioni arrow Kabul, tornano le leggi dei taliban: permesso lo stupro dei mariti
Kabul, tornano le leggi dei taliban: permesso lo stupro dei mariti PDF Stampa E-mail
Scritto da La Redazione   
martedì 31 marzo 2009

ImageKABUL - Malgrado l'intervento italiano in Afghanistan, con il nostro paese incaricato della «ricostruzione del sistema giuridico del paese», il governo afgano disattende nei fatti gli accordi internazionali che garantiscono alle donne la parità di trattamento, votando una legge (ancora non pubblicata) che rappresenta un duro colpo ai già minimi diritti e libertà delle donne afgane, con un dettato al limite dell'imposizione della violenza (che le donne dovbranno subire per volontà di un eventuale marito violento e dello stato) e della tortura, sia fisica che psicologica. «Secondo fonti delle Nazioni Unite, la nuova legge legalizza lo stupro del marito nei confronti della moglie, obbliga le donne a "concedersi" al marito senza opporre resistenza, vieta loro di uscire di casa, di cercare lavoro o anche di andare dal dottore senza il permesso del consorte e affida la custodia dei figli esclusivamente ai padri e ai nonniLeggi l'articolo di Repubblica


Medioevo talebano«I talebani non sanno leggere, ma sanno capitalizzare l'odio e la frustrazione della gente. Il 15 gennaio scorso, dopo la pausa invernale, le scuole avrebbero dovuto riaprire, ma i talebani, pochi giorni prima, hanno minacciato di bombardarle. Nessuna delle 400 scuole femminili ha riaperto e 80 mila ragazzine sono rimaste a casa e con loro 8 mila insegnanti donne rimaste senza lavoroLeggi l'articolo de L'Espresso

Ultimo aggiornamento ( martedì 31 marzo 2009 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB