spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Agosto 2017 Settembre 2017 Ottobre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 35 1 2 3
Settimana 36 4 5 6 7 8 9 10
Settimana 37 11 12 13 14 15 16 17
Settimana 38 18 19 20 21 22 23 24
Settimana 39 25 26 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Internazionale arrow USA: nuovo giudice donna alla Corte Suprema
USA: nuovo giudice donna alla Corte Suprema PDF Stampa E-mail
Scritto da La Redazione   
mercoledý 27 maggio 2009

ImageUSA - Sonia Sotomayor, ispanica, liberal. Questa la scelta di Barack Obama che, se confermata dal Senato porterà alla Corte Suprema una seconda donna ed il primo giudice ispanico. Visibilmente commossa, accanto al Presidente Usa, ha dichiarato: "neppure nei miei sogni più folli d'infanzia avrei immaginato di essere qui. Sono una persona comune che è stata benedetta da opportunità straordinarie". In una recente intervista televisiva, Obama aveva dichiarato che il nuovo giudice avrebbe dovuto avere "statura intellettuale, sapere rapportarsi alla gente comune e avere senso pratico su come funziona il mondo".


da La Repubblica.it «I giudici donna. La professione di magistrato ai massimi livelli è diventata appannaggio delle donne solo in tempi recenti, come dimostrano le statistiche. Sono oltre 200 le donne giudice tra corti distrettuali e corti d'appello federali, circa un quarto del totale, e oltre cento sono quelle designate nelle massime corti statali, mentre circa un terzo dei chief justice statali sono donne. In una paese in cui 1,2 milioni di persone esercitano la professione legale, circa il 45% degli associati di studio sono legali donne, e il 18% soci. Così come sono donne un quinto dei rettori delle facoltà di legge.


Per storici e politologi, l'avvicinarsi delle donne alla professione legale e la loro affermazione è legata a grandi svolte storiche del Paese, in particolare allo squarcio della guerra del Vietnam. Nel 1964, la Bar Association indicava che solo il 4% degli studenti di legge erano donne. Nel '74 il dato si era quadruplicato, e nel decennio successivo è ancora raddoppiato. Oggi le donne sono poco meno del 50% degli studenti di giurisprudenza. Nello stesso tempo, i presidenti degli Stati Uniti, a cominciare da Jimmy Carter, hanno cominciato a nominare sempre più magistrati donne nelle corti d'appello federali, che sono il bacino principale da cui sono state attinte negli anni recenti le nomine per la Corte suprema. Nel 1981, quando Reagan nominò la O'Connor, c'erano solo 11 donne nelle corti federali. Nel 1993, quando Bill Clinton scelse Ruth Bader Ginsburg (che oggi ha 76 anni e gravi problemi di salute, con la possibilità che sia il prossimo giudice a doversi ritirare), erano 23. Oggi sono arrivate a 47. Le pressioni su Obama affinché ristabilisse un equilibrio all'interno della massima corte americana più vicino alla realtà del Paese erano dunque evidenti.


Decisione storica. In una recente intervista televisiva, Obama aveva dichiarato che il nuovo giudice avrebbe dovuto avere "statura intellettuale, sapere rapportarsi alla gente comune e avere senso pratico su come funziona il mondo". Esattamente l'identikit di Sotomayor. Il presidente spera ora che il successore del giudice Souter possa entrare in funzione già in ottobre in occasione della nuova sessione della Corte. Gli ultimi due giudici nominati, John Roberts e Samuel Alito, sono stati entrambi confermati in circa 70 giorni, dopo le audizioni di prammatica al Senato. Con la maggioranza in Senato di 59-40 a favore dei democratici (e presto 60-40 quando verrà confermata la vittoria di Al Franken in Minnesota), la scelta di Obama non dovrebbe incontrare il pericolo di uno stallo nella Camera alta.


David Souter, nominato nel 1990 da George Bush padre, è un alfiere dell'ala liberal e aveva annunciato la sua volontà di lasciare la Corte suprema per consentire ad Obama di procedere, per la prima volta dal suo ingresso alla Casa Bianca, alla scelta di un membro della massima istanza giudiziaria del paese. La nomina dei membri della Corte suprema è una delle decisioni più delicate e importanti nelle mani del presidente degli Stati Uniti, perché è l'unica carica "a vita" (oltre a essere non elettiva) del sistema istituzionale statunitense. Per molti costituzionalisti, è la reale eredità politica che un presidente può lasciare al Paese.


Riguardo ai suoi "modelli" tra i giudici del passato, il presidente Obama aveva citato Antonin Scalia - "uno scrittore eccezionale" - e la giudice Sandra Day O'Connor, che ha saputo individuare l'applicazione pratica delle leggi: "Non era una grande teorica - ha detto Obama - ma alla fine ha avuto un'enorme infulenza sulla legge nel suo complesso". E lui stesso, Obama, con la sua formazione giuridica, non vorrebbe in futuro entrare a far parte della Corte, come fece il suo predecessore William Taft? "Non credo che passerei l'audizione in Senato", ha scherzato il presidente.»

 

Ultimo aggiornamento ( mercoledý 27 maggio 2009 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB