spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Agosto 2017 Settembre 2017 Ottobre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 35 1 2 3
Settimana 36 4 5 6 7 8 9 10
Settimana 37 11 12 13 14 15 16 17
Settimana 38 18 19 20 21 22 23 24
Settimana 39 25 26 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Numero 76 arrow Se il 'nascituro' conta pių della madre
Se il 'nascituro' conta pių della madre PDF Stampa E-mail
Scritto da Eva Panitteri   
lunedė 07 settembre 2009

ImageNICARAGUA - (DIRITTI UMANI) Il nuovo codice penale del Nicaragua in vigore dal luglio 2008 prevede il divieto assoluto di aborto e pene detentive per le donne e le ragazze che cercano di abortire e per gli operatori sanitari che forniscono servizi associati o associabili all'aborto. In un rapporto diffuso il 27 luglio 2009 a Città del Messico, Amnesty International ha reso noto come tale divieto assoluto di abortire, metta in pericolo la vita delle donne e delle ragazze incinte malate, negando loro i trattamenti salvavita qualora tali cure risultino controindicate in gravidanza e possano causare danni o la morte dell'embrione o del feto. Crescono i suicidi tra le ragazze incinte.

Niente cure perciò alle donne ed alle ragazze incinte che abbiano contratto il virus dell'Hiv/Aids, se sono ammalate di cancro o di malaria, o nel caso di una crisi cardiaca. Il divieto permane anche se la donna incinta sia stata vittima di stupro o incesto. Nel 2008 si è registrata un'impennata di suicidi da avvelenamento di ragazze incinte nonché un aumento della mortalità materna in tutto il paese.

Il rapporto "Il divieto totale di abortire in Nicaragua: la salute e la vita delle donne minacciate, gli operatori sanitari criminalizzati" è il primo studio realizzato da Amnesty International sulle implicazioni, dal punto di vista dei diritti umani, del divieto di abortire nei casi in cui la salute o la vita di una donna o di una ragazza siano a rischio o quest'ultima sia stata vittima di stupro o incesto.

Il rapporto "Il divieto totale di abortire in Nicaragua: la salute e la vita delle donne minacciate, gli operatori sanitari criminalizzati" fa parte della campagna "Io pretendo dignità", lanciata da Amnesty International il 28 maggio 2009.

Ultimo aggiornamento ( sabato 12 settembre 2009 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB