spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Agosto 2017 Settembre 2017 Ottobre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 35 1 2 3
Settimana 36 4 5 6 7 8 9 10
Settimana 37 11 12 13 14 15 16 17
Settimana 38 18 19 20 21 22 23 24
Settimana 39 25 26 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Numero 76 arrow Violenza pregiudizio
Violenza pregiudizio PDF Stampa E-mail
Scritto da Eva Panitteri   
sabato 12 settembre 2009

 

ImageROMA - Il tema delle violenza sulle donne entra nell'agenda del G8, ed il Presidente Napolitano nel discorso di apertura alla conferenza internazionale contro la violenza sulle donne (organizzata alla Farnesina nell'ambito degli incontri del G8 a Presidenza italiana), sottolinea come, anche “in paesi evoluti e ricchi come l'Italia, dotati di Costituzione e di sistemi giuridici altamente sensibili ai diritti fondamentali delle donne, continuano a verificarsi fatti raccapriccianti”. Vi è una fondamentale connessione, uno strettissimo rapporto tra il ruolo sociale delle donne e la democrazia di un paese, ed il fatto che un paese l’Italia abbia nei ruoli chiave quasi esclusivamente uomini, basta a far comprendere perché Napolitano aggiunga: “Dobbiamo sentirci egualmente responsabili dell'incompiutezza dei progressi faticosamente realizzati per l'affermazione della libertà, della dignità, e della parità dei diritti delle donne”. In un momento in cui crescono xenofobia, razzismi, ed intolleranze di ogni genere, in un momento in cui il paese sta perdendo valori fondamentali come la laicità, la legalità, la libertà di scelta, la solidarietà, le parole di Napolitano devono indurre ad una riflessione. Urge un ripensamento su quelle chiusure e su quelle mancanze di dialogo, su quei piccoli e grandi pregiudizi che stanno portando l’Italia a mancare di coerenza nel passaggio tra ciò che dichiara, e ciò che mette in pratica. Più che alimentare differenze e divisioni, ed alzare muri, dovremmo imparare a sentirci parte di un unico genere, quello umano. La sfida delle donne è stata lanciata. Qualcuno la raccoglierà?

Ultimo aggiornamento ( sabato 12 settembre 2009 )
 
Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB