spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Ottobre 2017 Novembre 2017 Dicembre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 44 1 2 3 4 5
Settimana 45 6 7 8 9 10 11 12
Settimana 46 13 14 15 16 17 18 19
Settimana 47 20 21 22 23 24 25 26
Settimana 48 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Numero 76 arrow Diritti umani: campagna per la "dignità"
Diritti umani: campagna per la "dignità" PDF Stampa E-mail
Scritto da EP   
lunedì 07 settembre 2009

ImageROMA - Sabato 19 e domenica 20 settembre Amnesty International scende in piazza in Italia con la campagna "Io pretendo dignità", in favore delle persone vittime delle violazioni di quei diritti umani che rendono poveri o intrappolano nelle povertà, intese anche come deprivazione, insicurezza, esclusione e impotenza. Le cifre indicano 963 milioni di persone prive di cibo a sufficienza ed 1miliardo di persone in insediamenti abitativi precari. Ogni minuto una donna muore per complicazioni legate alla gravidanza. 1,3 miliardi di persone non hanno accesso all'assistenza sanitaria di base. 20 mila bambini muoiono ogni giorno.

 

 

Unisciti alle centinaia di attiviste e attivisti che saranno in piazza il 19 e 20 settembre e sottoscrivi il manifesto della campagna globale "Io pretendo dignità": tra le azioni previste da Amnesty, attività di pressione su governi e Nazioni Unite per migliorare le leggi interne e internazionali e pretendere il riconoscimento delle responsabilità quando vengono violate.

In questo scenario si stanno mobilitando persone di ogni parte del mondo per chiedere ai governi, alle grandi aziende e ad altri soggetti, di ascoltare la voce di chi vive in povertà e riconoscere e proteggere i loro diritti. Si scende in piazza per pretendere:

1. La responsabilità dei governi, delle imprese e delle istituzioni finanziarie internazionali per le violazioni dei diritti umani che sono causa della povertà.
2. L'accesso ai diritti e ai servizi essenziali per la dignità umana senza discriminazione.
3. La partecipazione attiva nella lotta contro la povertà delle persone che vivono in povertà e dei loro rappresentanti.
4. Il rafforzamento delle capacità delle persone che vivono in povertà, affinché possano reclamare il rispetto dei loro diritti.
5. Un dibattito pubblico che si occupi del tema della povertà trattandolo come una questione di diritti umani;
6. Più attivisti contro la povertà per garantire i diritti umani di chi vive in povertà.
Senza diritti umani non si sconfigge la povertà

Ultimo aggiornamento ( lunedì 07 settembre 2009 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB