spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Agosto 2017 Settembre 2017 Ottobre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 35 1 2 3
Settimana 36 4 5 6 7 8 9 10
Settimana 37 11 12 13 14 15 16 17
Settimana 38 18 19 20 21 22 23 24
Settimana 39 25 26 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Numero 77 arrow Il terzo settore rinnova le prospettive dell'impegno sociale
Il terzo settore rinnova le prospettive dell'impegno sociale PDF Stampa E-mail
Scritto da Eva Panitteri   
venerd́ 02 ottobre 2009

ImageAPPUNTAMENTI - Con la definizione di Terzo Settore si identificano quelle realtà che operano negli ambiti del "Volontariato, dell'Associazionismo, della Cooperazione Sociale, della Solidarietà Internazionale, della Finanza Etica, del Commercio Equo e Solidale" consociatesi con l'obiettivo di valorizzare attività ed esperienze delle presone, allo scopo di "migliorare la qualità della vita, delle comunità, attraverso percorsi, anche innovativi, basati su equità, giustizia sociale, sussidiarietà e sviluppo sostenibile". Non libero da errori di valutazione commessi nei molti anni di attività, il Terzo settore italiano si riunisce il 16 ed il 17 ottobre a Roma per interrogarsi su come superare gli errori del passato, e rinnovare le prospettive dell'impegno sociale.

Comunicato stampa:

FAMIGLIA CRISTIANA, AGENZIA REDATTORE SOCIALE ed EDIZIONI DELL'ASINO presentano "Terzo settore: gli errori, il futuro. Assemblea sulle prospettive dell'impegno sociale" una due giorni di incontri a Roma, il 16 ed il 17 ottobre, presso il Centro congressi Angelicum, Largo Angelicum 1.

L'incapacità di comprendere e relazionarsi con la politica (scimmiottandone riti e linguaggi); la tentazione delle logiche aziendali e manageriali; il logoramento delle idealità e la frantumazione dei soggetti. Sono soltanto tre degli errori capitali commessi dal terzo settore italiano, da sempre frazionato.


Negli oltre 30 anni della sua esistenza come soggetto sociale riconosciuto, questi errori ne hanno minato la forza e diminuito la qualità della presenza. Fino a insinuare in molti dei suoi protagonisti la sgradevole sensazione di essere inutili, se non correi di politiche antisociali.


Ma è proprio in questa storia così ricca – e poco raccontata – che vanno cercate le risorse per una nuova stagione del terzo settore che contribuisca all'equilibrio della società. Può e deve riemergere la specificità di un impegno che non ha avuto eguali al mondo, con le sue competenze, la sua capacità di anticipazione, le sue utopie.


Per ritrovare quelle risorse occorre però individuare tutti gli errori e imparare da essi, esattamente come succede nella vita di coloro che aspirano a migliorarsi.

A questa assemblea sono invitati tutti i rappresentanti del terzo settore italiano: dall'associazionismo all'impresa sociale, dal volontariato di base alla cooperazione internazionale, dalle organizzazioni strutturate a quelle più informali. Non ci saranno “maestri”, ma si tratterà di una riflessione corale come nelle migliori tradizioni della nostra storia.


Le relazioni introduttive serviranno a mettere a punto le tematiche, per non disperdere la riflessione. Ognuno potrà intervenire con una riflessione propria, di breve durata. Servono parole sincere, efficaci, forti e generose. Al termine si cercherà di sintetizzare le idee emerse in una “carta per il futuro del terzo settore”, da usare come base per un nuovo periodo storico in cui l'impegno sociale – più o meno organizzato – pesi di più nelle scelte politiche e negli atteggiamenti sociali.

Ultimo aggiornamento ( sabato 03 ottobre 2009 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB