spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Ottobre 2017 Novembre 2017 Dicembre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 44 1 2 3 4 5
Settimana 45 6 7 8 9 10 11 12
Settimana 46 13 14 15 16 17 18 19
Settimana 47 20 21 22 23 24 25 26
Settimana 48 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Numero 78 arrow Garavini solidale con Rosy Bindi dopo gli insulti del premier
Garavini solidale con Rosy Bindi dopo gli insulti del premier PDF Stampa E-mail
Scritto da Eva Panitteri   
domenica 18 ottobre 2009

ImageROMA - "Che il tatto non sia un forte del premier, non è una cosa nuova. Ma con le volgari offese nei confronti di Rosy Bindi, Berlusconi ha oltrepassato il limite". È significativo, sottolinea l’on. Laura Garavini (PD) "che il Presidente del consiglio per offendere una donna che, anziché adorarlo in silenzio, ‘osa’ criticarlo, attacchi le sue caratteristiche fisiche. Garavini, commentando l'attacco del premier alla Bindi nel corso della trasmissione ‘Porta a Porta’ si dice "allarmata per quel sessismo esposto in modo scandalosamente palese e disinvolto e per quella concezione pericolosamente strumentale delle donne, di cui tutte le italiane pagano il prezzo". Deve far riflettere, dice, “il silenzio-assenso degli uomini e soprattutto delle donne dei partiti di Governo”.

Per la deputata eletta all’estero “occorre una reazione di protesta forte e inequivocabile a quel maschilismo aggressivo. Il mondo femminile non può che prendere le distanze da una visione delle donne – peraltro evidentemente patologica – che le divide in due categorie: quelle belle e ‘utilizzabili’ e tutte le altre. Le donne”, aggiunge la parlamentare, “non sono a disposizione del premier”.


Deve far riflettere “il silenzio-assenso degli uomini e soprattutto delle donne dei partiti di Governo”, ammonisce la Garavini. “È un segno di quanto sia ormai radicato nel nostro Paese il modello volgare della donna che il capo del Governo con arroganza e prepotenza continua a riproporci. Voglio ricordare alle donne delle maggioranza, a cominciare dalle ministre che solitamente fanno a gara in compiacenza e sottomissione al loro capo, che le pari opportunità non sono un optional ma una parte vitale di ogni sistema realmente democratico”. (Comunicato stampa 9 ottobre 2009)

Ultimo aggiornamento ( domenica 18 ottobre 2009 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB