spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Luglio 2018 Agosto 2018 Settembre 2018
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 32 1 2 3 4 5
Settimana 33 6 7 8 9 10 11 12
Settimana 34 13 14 15 16 17 18 19
Settimana 35 20 21 22 23 24 25 26
Settimana 36 27 28 29 30 31
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Speciale 8 marzo 2007 arrow L’Assessora Gramaglia lascia la giunta di Roma
L’Assessora Gramaglia lascia la giunta di Roma PDF Stampa E-mail
Scritto da Eva Panitteri   
luned́ 05 marzo 2007

ImageMariella Gramaglia è l’Assessora alla semplificazione ed alle Pari opportunità del Campidoglio. Lascia la giunta alla fine di aprile per un nuovo lavoro in India e per un percorso spirituale. Ha scelto di essere Buddista e di lavorare per l’empowerment delle donne di quel paese. Ad unire l’utile al dilettevole, la partecipazione al Progetto Sviluppo della CGIL, in sinergia con il Sewa, un sindacato indiano di 700mila donne. Di formazione Gandhiana, le iscritte del Sewa “si occupano di dialogo, pace, integrazione, parità nel lavoro e lotta alle caste”.

(Roma) - Alla collega Lilli Garrone che la intervista per Il Corriere dice che il progetto da lei scelto è “collegato con il sindacato europeo e con il sindacato autonomo di donne indiane Sewa”. Con 700mila attiviste, dice, “il progetto è quello di lavorare alla formazione di donne leader del villaggio che siano portavoce dei diritti al femminile nei vari luoghi, soprattutto per quel che riguarda il lavoro, la salute, la famiglia. Vado in pratica a fare formazione, ma il lavoro me lo dovrò un pò inventare”.

Un progetto personale ed uno politico, che Gramaglia considera “in continuità” con la propria storia personale di deputata, giornalista, insegnante, assessora. Un lavoro che la porterà ad incontrare donne di formazione Gandhiana che “si occupano di dialogo, pace, integrazione, parità nel lavoro e lotta alle caste”.

Buddismo ed impegno sociale. Magari proprio perché “lo spirito del Buddismo è quello di far risplendere la libertà spirituale nel proprio cuore e di dichiarare senza paura la vera libertà della propria anima” come afferma Daisaku Ikeda, presidente dell’associazione buddista, Soka Gakkai (presente anche in Italia). Ma anche perché, come diceva la scrittrice Margherite Yourcenar, il buddismo “come Socrate, ci mette in guardia contro le speculazioni metafisiche, per invitarci, soprattutto, a conoscere meglio noi stessi.”

Il sindacato delle donne in India:

Sewa: http://www.sewa.org/

Le organizzazioni buddiste In Italia:

Soka Gakkai www.sgi.italia.org associazione laica di origine giapponese

Filosofia portante: il Budda non un è essere soprannaturale; ogni persona è il Budda perchè tutti possiedono una natura illuminata (la natura di Budda). Recitano la frase Nam-Myoho-Renge-Kyo davanti al Gohonzon (oggetto di culto)

UBI, Unione buddista italiana www.buddhismo.it

Raccoglie molte filosofie e scuole diverse che generalmente si riconoscono nel ceppo tibetano che fa capo al Dalai Lama, la guida spirituale.

Ultimo aggiornamento ( marted́ 06 marzo 2007 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB