spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Settembre 2017 Ottobre 2017 Novembre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 39 1
Settimana 40 2 3 4 5 6 7 8
Settimana 41 9 10 11 12 13 14 15
Settimana 42 16 17 18 19 20 21 22
Settimana 43 23 24 25 26 27 28 29
Settimana 44 30 31
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Numero 80 arrow Istruzione donne sconfigge la fame
Istruzione donne sconfigge la fame PDF Stampa E-mail
Scritto da Eva Panitteri   
giovedý 12 novembre 2009

ImageFAME - L'istruzione delle donne è l'elemento imprescindibile per combattere la fame nel mondo, una violazione dei diritti di base dell'essere umano che oggi riguarda più di un miliardo di persone nel mondo. E’ quanto emerge dalla quarta edizione dell’Indice mondiale della fame (Global Hunger Index 2009), presentato a Roma il 12 novembre dal network di ong italiane Link 2007. De Marchi (Pam): “Meno istruita è la donna più la sua famiglia soffre la fame”. La malnutrizione infantile fa più impressione: in occasione del vertice mondiale sulla sicurezza alimentare che si terrà a Roma dal 16 al 18 novembre e che vedrà a raduno molti grandi della terra per parlare di sicurezza alimentare, la FAO ha lanciato un appello chiamando ad uno sciopero della fame di un giorno in tutto il mondo: "inaccettabile la situazione di 1 miliardo di sottonutriti".

Il problema risiede anche nella mancanza di fondi: Medici Senza Frontiere utilizzando dati dell’OCSE (Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico), della Commissione Europea, della Gates Foundation e di UNITAID per analizzare i flussi di finanziamento dei principali donatori, segnala che «sebbene miliardi di dollari di assistenza internazionale siano classificati come “aiuti alimentari per lo sviluppo e sicurezza alimentare” o “aiuti alimentari d’emergenza”, meno del 2% viene effettivamente speso in interventi destinati specificamente a ridurre la malnutrizione infantile. Inoltre, i fondi esistenti vengono sprecati attraverso pratiche inefficienti, come la politica del governo degli Stati Uniti che invia aiuti alimentari in natura, e che aumenta i costi di 600 milioni di dollari rispetto a una politica di acquisti di aiuti alimentari in loco.

L’assenza di sforzi mirati - ha dichiarato Stéphane Doyon, responsabile nutrizione di MSF - significa che i bambini più piccoli ricevono alimenti inadeguati che non contengono gli elementi nutrizionali fondamentali di cui hanno bisogno per non diventare malnutriti”. “Esistono opportunità per aumentare in parte i fondi destinati alla nutrizione semplicemente migliorando l’efficienza delle politiche esistenti dei governi donatori”.»

Ultimo aggiornamento ( domenica 15 novembre 2009 )
 
< Prec.
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB