spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Agosto 2020 Settembre 2020 Ottobre 2020
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 36 1 2 3 4 5 6
Settimana 37 7 8 9 10 11 12 13
Settimana 38 14 15 16 17 18 19 20
Settimana 39 21 22 23 24 25 26 27
Settimana 40 28 29 30
 

 


AFFI

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow *Politica e Attualità arrow A Palermo "passi" di legalità
A Palermo "passi" di legalità PDF Stampa E-mail
Scritto da L'Araba Felice   
giovedì 11 giugno 2009

ImagePALERMO - 23 Maggio ore 16:00, aula bunker: corteo in memoria di Giovanni Falcone, Francesca Morvillo e degli uomini della scorta. Anche quest'anno sono qui per iniziare una passeggiata a dir poco doverosa da parte di una cittadina palermitana, anzi, mi correggo, italiana. Partecipare è un dovere civico! Oltre 1500 studenti da tutta Italia sono sbarcati in città, testimoniando con la loro presenza il “sentire” di un'intera nazione. Ci sono ragazzi provenienti da tutte le regioni, festosi, rispettosi, partecipi. I loro striscioni colorati hanno illuminato la città con la forza delle parole. “Non li avete uccisi: le loro idee camminano sulle nostre gambe”. E ancora “Contro pizzo, droga, usura combatti la mafia senza paura”. Cartelli, per messaggi forti ed inequivocabili!

Non starò a raccontarvi la cronaca di un giorno in cui Palermo si ferma per il solito simbolico percorso dei 2 cortei che si snodano dall'aula bunker e da via D'Amelio per ricongiungersi in un abbraccio ideale di fronte all'albero Falcone. No, questo lo avrete letto e sentito tante volte negli ultimi 17 anni. Qui troverete, invece, le emozioni della strada, quelle sentite lì, in mezzo alla gente, tutti compatti. Un branco, ecco cosa eravamo: Giovanni e Paolo (come spesso sono stati invocati) avrebbero voluto e amato questo “buon branco”, forte e unito, che marciava contro la mafia in un pomeriggio caldissimo accompagnata da una pioggia d'acqua che gli studenti lanciano con le bottigliette: quasi una festa...


La partecipazione è corale: è come un inno che cresce. Da un autorimorchio alcuni ragazzi, recitano slogan contro la mafia, ricordano eroi dei nostri giorni, cantano. Un ragazzo che parla il linguaggio dei segni traduce parole, canzoni, persino il ritmo della musica. Emozionante a vedersi, trascina e coinvolge.


Giunti all'albero Falcone parole e canti si dissolvono in un silenzio rispettoso e autentico, mentre sul palco, oltre alle autorità di rito, salgono i giovani del corteo “Insieme per non dimenticare”, il nostro traduttore speciale ed altri amici, alcuni noti come Ficarra e Picone, altri meno noti come i bambini di “Addiopizzo”. Ma tutti hanno voluto esserci per dare il proprio contributo, anche con la semplice partecipazione.


Si sono recitate poesie: tra tutte una in particolare parlava del vento, invocato per accorrere a ripulire tutte le sporcizie della mafia, “....ma se non arriverà, allora soffieremo noi, noi tutti, e soffieremo forte....”.Tra i sentimenti di commozione e gratitudine, i soliti noti hanno cercato di turbare la commemorazione rispettosa di Falcone, approfittandone per perseguire scopi politici, fare rivendicazioni personali, ma no, non è stato permesso. La ricorrenza era troppo sacra; quello che si sentiva era solo amore per i gesti e i sacrifici di questi nostri eroi.


Chi è oggi qui ha fatto una scelta:non faccia più un passo indietro!” questa la frase che mi ha più colpita. Cosa dispiace? Che la gente non comprenda abbastanza la necessità di scendere in piazza. Che non si abbia coraggio sufficiente per mettere in mostra le proprie facce. Che a molti sembri ormai inutile, dopo tanti anni, manifestare. E' vero e duole dirlo, che assieme alla gente comune, c'è chi scende in piazza “per farsi vedere”, ma accade ormai in qualunque manifestazione. Allora, a maggior ragione, uscite di casa, palermitani, e fate capire che Palermo non è sinonimo di mafia, ma di gente sana! Essere in tanti è un segnale: decreta un successo, come un concerto al quale hanno partecipato moltissime persone. Solo così si potrà creare un muro solido al di là del quale nessuna mafia potrà passare e saranno questi i passi importanti, come quelli fatti per giungere all'albero Falcone:1,2,3,4,5,10,100 passi!!!

 

Ultimo aggiornamento ( martedì 23 giugno 2020 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB